Facevano fare ad amici e parenti analisi di laboratorio gratis, evitando quindi il ticket, e veloci, saltando le lunghe code delle prenotazioni. Per questo 2300 persone sono indagate a vario titolo per falso, truffa ai danni dello Stato e accesso abusivo al sistema informatico, dalla procura di Genova. I fatti, secondo quanto ricostruito dai carabinieri del Nas, sono accaduti all’ospedale San Martino tra il 2015 e il 2016 e coinvolgono almeno 600 dipendenti.

Il sistema scoperto dagli investigatori era semplice. Per evitare attese e ticket il paziente veniva fatto risultare ricoverato: forzando il sistema elettronico il dipendente registrava i dati della persona. Tra coloro che hanno usufruito dei “favori” anche alcune suore. Gli importi da pagare erano spesso anche minimi: le forze dell’ordine hanno contestato somme da 6, 15 o 36 euro.

A far partire l’indagine alcuni esposti, presentati in procura tre anni fa. Già nel 2017 la Corte dei conti era intervenuta, condannando a un risarcimento di quasi 96mila euro 37 ex dipendenti del laboratorio analisi. Tra loro anche il direttore, Michele Mussap.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, online i moduli per le richieste: 5 pagine di dati e 4 di spiegazioni. Le avvertenze dell’Inps

prev
Articolo Successivo

Il 21 febbraio l’ultimo video dell’alpinista Daniele Nardi: “C’è tanta neve, noi aspettiamo”

next