La sinistra italiana che non c’è dice di voler ripartire dai bisogni della gente, dalla base, dall’unità, da questo e da quello. Insomma, come troppo spesso accade in Italia, la politica si fa con proclami e aperitivi; prima le geometrie interne, poi – eventualmente – i programmi e la base.

E se invece, a tre mesi dalle Europee, per una volta fosse la politica a venire prima di tutto? Ai partiti che associano “sinistra” alla loro attività non mancherebbero certo i temi su cui costruire la riscossa: sono tutti là fuori, i temi, già letteralmente là fuori e non hanno nulla a che vedere con l’immigrazione (almeno non direttamente). Non bastano più i proclami pre-congressuali, gli inutili manifesti elettorali pieni di nulla, le dichiarazioni intrise di marketing “per unire”, i bocconiani in camicia bianca e sorriso da agente immobiliare, come se un partito fosse un’assemblea dei soci, e le sciatte formule tanto generiche e tanto bollite da non far più presa su nessuno.

Non basta più scrivere “mettiamo l’ambiente al centro dell’agenda” o usare il marketing verde (greenwashing) per sembrare più belli e ottimisti: ora serve sapere, cara sinistra, se vuoi tornare a vincere, in quanti anni pensi di ridurre la Co2 nell’aria, quale road map intendi imporre alle aziende affinché riducano le emissioni nocive, come intendi sostituire carbone e petrolio. Quando spariranno le automobili che inquinano e come intendi sbarazzarti di buste e involucri di plastica dal packaging.

Chi paga? Quella verde è una rivoluzione soprattutto economica, ma una rivoluzione che non sta arrivando dall’alto. Anzi: governi liberali e multinazionali la osteggiano in ogni modo. E invece la necessità di riconvertire tutto, e in fretta, offre infinite opportunità e soprattutto ti permetterà di superare il “rebus dell’Ilva”: salvo l’ambiente o i posti di lavoro? Qui salvi tutto. Green is the new red.

Sarebbe utile, magari, rinunciassi a quell’antistorico approccio thatcheriano “trickle down” che tanto piace a Confindustria: detassiamo, rendiamo i ricchi ricchissimi e a pioggia, così la loro ricchezza creerà altra ricchezza e posti di lavoro. Certo, come no: tra paradisi fiscali e Paesi-condotto nell’Ue (Benelux, Cipro, Malta, Irlanda), l’alta mobilità della ricchezza ha creato migliaia di posti di lavoro. Commercialisti e avvocati maghi dell’elusione fiscale non sono stai mai tanto ricercati. Liberisti tremate: è ora di redistribuire. Meglio così, no?

E magari, sempre in termini di utilità, sarebbe utile ricominciassi a parlare di pubblico, di regole, di tasse. Già, di tasse. Anzi, di “tasse, tasse, tasse”, per dirla con lo storico olandese Rutger Bergman che a Davos quasi faceva prendere un colpo al golf club del World economic forum: parlare di tasse in quel consesso è come bestemmiare in Chiesa. E lui, in effetti, intellettuale della nuova sinistra olandese, in Italia sarebbe deriso e sbeffeggiato perché è un fautore del basic income (reddito di cittadinanza): mille euro a tutti per evitare i lavori-schiavitù.

Già, sinistra cara, quando tornerai a parlare di “qualità” invece che di “quantità” come farebbe un neo-liberista qualunque? Quando la smetterai di pavoneggiarti per aver creato posti di lavoro da commesso a Carrefour, da cyborg-magazziniere ad Amazon e da barista a Starbucks, quando centinaia di migliaia di giovani se ne vanno e non torneranno più? E soprattutto, quando oserai far cadere un altro tabù (viene quasi da ridere che sia diventato un tabù per la sinistra) e ricomincerei a parlare di “ripubblicizzazione” dei gioielli di famiglia svenduti negli ultimi anni? Case, sanità, istruzione, acqua, oltre ai freni agli effetti antisociali della gig economy? Non solo di mercati facilmente impressionabili o di investimenti si vive, soprattutto se non c’è un disegno, una “big picture”.

E non parliamo della casa, un diritto riconosciuto dall’Onu ma negato dagli immobiliaristi. Per te, cara sinistra, l’interesse generale dovrebbe venire prima, giusto? E allora perché l’Italia ha uno stock ridicolo di case popolari (a Roma si parla di appena il 5%) mentre le capitali del neoliberismo, Londra e Amsterdam, hanno rispettivamente il 30% e il 50% dello stock in affitto a prezzo bloccato? Sinistra vuol dire tutelare il valore degli immobili e della speculazione oppure tutelare il diritto a un tetto sulla testa per tutti? Anche a voler essere cinici, e quindi puntare sugli speculatori, il pragmatismo nordico ci insegna che dare casa e soldi ai poveri previene rivolte. Eh già, sinistra, se proprio non riesci a demachiavellizzarti, almeno fatti furba.

E mentre cerchi improbabili leader (leggi Carlo Calenda) o sfogli l’agendina alla ricerca dei numeri di telefono degli ex, tu una leader ce l’hai già; non dovresti faticare a vederla. Sì, è una donna. È concreta, come dovrebbe essere una leader di sinistra, non è compromessa più di tanto con i battibecchi nazionali da cortile, non strilla e non passa il tempo sui social; non è una rivoluzionaria, certamente, ma ha grinta da vendere. E grazie soprattutto a lei, l’Europa aveva quasi adottato un regolamento di Dublino che poteva dare un colpo duro a un certo populismo xenofobo ed evitare di scaraventare il continente cent’anni indietro. Non hai capito di chi parlo? Guarda bene, guarda al Parlamento europeo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

“C’era una volta la sinistra”: errori, rimpianti e speranze nei racconti dei protagonisti intervistati da Padellaro e Truzzi

next
Articolo Successivo

Caro Di Maio, un leader capace non avrebbe mai lasciato il governo a Salvini

next