I Clippers, che stanno giocando in casa a Los Angeles, sono avanti 121 a 112 contro i Dallas Mavericks. Mancano dieci secondi alla fine e Doc Rivers, allenatore dei Clippers, chiama un inutile timeout. Poi prende il microfono dal tavolo: “Dirk Nowitzki, let’s go!” dice a gran voce, rivolgendosi al campione tedesco dei Dallas e invitando il pubblico a tributargli applauso e standing ovation. Lui, 40 anni, una vita con la casacca dei Dallas (con cui ha vinto un anello nel 2011 contro i Miami Heat di Lebron James) è il miglior realizzatore europeo in Nba e il primo giocatore non nordamericano a vincere il premio di Mvp.

Per molti tifosi, Wunder Dirk si ritirerà alla fine di questa stagione. In un’intervista rilasciata a inizio febbraio, tuttavia, Nowitzki ha dichiarato che non è sicuro di appendere le scarpe al chiodo e che, anzi, se il suo fisico glielo permetterà (e se ancora si divertirà), continuerà a incantare pubblico e appassionati sui parquet americani. Quella contro i Clippers, per il campione tedesco, era la partita numero 1500.

Video Twitter/Dallas Mavericks