Mohammad Kalhori è stato arrestato nella provincia del Luristan nel dicembre 2014, quando aveva 15 anni, per aver accoltellato a morte un insegnante. Inizialmente è stato condannato a tre anni, in quanto il giudice ha riconosciuto che non aveva lo sviluppo mentale e la maturità per rendersi conto della gravità del reato commesso. Poi, in appello, è scattata la condanna a morte.

Barzan Nasrollahzadeh aveva 17 anni al momento dell’arresto, avvenuto nel maggio 2010 nella provincia del Kurdistan. Ha denunciato di essere stato tenuto in isolamento per mesi, senza contatti con l’esterno, e di essere stato torturato con le scariche elettriche. Condannato a morte nel 2013 per “atti ostili contro Dio” (definizione di reato che si riferisce ad azioni di terrorismo), ha recentemente perso il ricorso.

A Shayan Saeedpour mancavano due mesi al 18esimo compleanno quando, nell’agosto 2015, si è presentato spontaneamente a una stazione di polizia della provincia del Kurdistan per incolparsi di un omicidio commesso durante una rissa mentre era ubriaco. Nell’ottobre 2018 è stato condannato a morte e, per aver bevuto alcool, a 80 frustate.

Kalhori, Nasrollahzadeh e Saeedpour rischiano di essere i prossimi minorenni al momento del reato a essere messi a morte in Iran, dove questa prassi – bandita dal diritto internazionale – continua ad avere regolarmente luogo. In Iran dal 2005 sono stati messi a morte oltre 90 rei minorenni. Almeno altri 90 sono in attesa dell’esecuzione nei bracci della morte del Paese. A preoccupare ulteriormente è la tendenza delle autorità iraniane ad annunciare le esecuzioni con scarso anticipo, per ridurre al minimo le possibilità di suppliche delle famiglie o di appelli delle organizzazioni per i diritti umani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Boom di minori stranieri non accompagnati in Friuli Venezia Giulia, mancano tutori legali volontari

prev
Articolo Successivo

Per il piccolo Marco continua l’odissea. Dall’affido alla casa famiglia, in cerca di stabilità

next