Niente calciomercato per tutta l’estate e anche per il prossimo inverno: la commissione disciplinare della Fifa ha sanzionato il Chelsea con il divieto di registrare nuovi giocatori a livello nazionale e internazionale per le prossime due sessioni di mercato. Il club inglese allenato da Maurizio Sarri e la Football Association, la federazione calcistica inglese, sono state sanzionate per violazioni relative al trasferimento internazionale e alla registrazione di giocatori di età inferiore ai 18 anni.

Il Chelsea, fa sapere la Fifa in una nota, ha violato l’art.19 del Regolamento nel caso di ventinove giocatori minori e ha inoltre commesso diverse altre infrazioni relative ai requisiti di registrazione per i giocatori. Il club ha anche violato l’art.18 bis del Regolamento in relazione a due accordi conclusi in materia di minori e che gli hanno permesso di influenzare altri club in materia di trasferimenti.

Per la squadra di Sarri significa non poter acquistare giocatori, ma solo venderli, per quasi un anno e mezzo, ovvero fino a giugno 2020. Questo divieto si applica al club nel suo complesso, con l’eccezione delle squadre femminili. Inoltre, il Chelsea è stato multato per 600mila franchi e ha 90 giorni di tempo per regolarizzare la situazione dei giocatori minori interessati.

Si è inoltre riscontrato che la Football Association ha violato le regole relative ai minori. È stata inflitta una multa di 510mila franchi svizzeri e concesso un periodo di sei mesi per affrontare la situazione riguardante il trasferimento internazionale e la prima registrazione dei minori nel calcio. Le decisioni emesse dalla Commissione Disciplinare sono state notificate oggi e possono essere impugnate dinanzi alla Commissione d’appello della Fifa, conclude la nota.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie C, il giudice sportivo cancella il 20-0 di Cuneo-Pro Piacenza: quarta sconfitta a tavolino, rossoneri esclusi dal campionato

next
Articolo Successivo

Europa League, sorteggio ottavi: l’Inter pesca l’Eintracht, Napoli contro Salisburgo

next