Il pesto alla genovese potrebbe essere cancerogeno? Si tratta di un allarme che riemerge periodicamente, anche se la notizia non è nuova. Lo studio italiano che denunciava la presenza nelle profumate foglie di una concentrazione 600 volte superiore ai limiti di sicurezza di metil-eugenolo, una sostanza riconosciuta come genotossica e cancerogena, è del 2001, ma a renderlo popolare è stata nel 2004 una dichiarazione di Umberto Veronesi, che in un confronto dedicato alla sicurezza degli organismi geneticamente modificati menzionò i possibili rischi legati all’uso del “naturalissimo basilico”, scatenando allarmi e polemiche che non si sono ancora spenti.

In cosa consiste il problema? Il profumo del basilico che tanto apprezziamo è dovuto a una combinazione di sostanze attive, tra cui il metil-eugenolo – e altre sostanze individuate come cancerogene come l’estragolo – che le piante sviluppano per proteggersi da insetti e altri parassiti. Il metil-eugenolo è appunto una di queste sostanze, particolarmente attiva perché destinata a proteggere la pianta nella prima fase di sviluppo, all’incirca fino a un’altezza di dieci centimetri. Quando poi la pianta cresce e le foglie si fanno più grandi, la sostanza si trasforma in eugenolo che non presenta questi rischi.

È chiaro quindi che non è il caso di rinunciare al pesto. Al massimo, per prudenza, possiamo scegliere piante ben sviluppate – sopra i 16 centimetri di altezza, suggeriscono i ricercatori – e con foglie di grandi dimensioni in cui le sostanze nocive non sono più presenti.

Per capire fino a che punto sia necessario prendere precauzioni, può essere utile fare qualche considerazione. Intanto i dati disponibili, che riguardano esperimenti su ratti e topi, non dicono che il basilico faccia venire il cancro, ma che contiene sostanze in grado di aumentare la probabilità di averne uno. Il problema ovviamente è la quantità che ne assumiamo e le dosi utilizzate a livello sperimentale sono molto maggiori di quelle abituali per uso alimentare, senza contare che sono somministrate agli animali in vena o iniettate nel peritoneo. Uno studio sulla tossicità del metil-eugenolo nei cibi pubblicato nel 2006 faceva notare che le dosi a cui questa sostanza è cancerogena nei topi è comunque 100-1.000 volte superiore a quella tipicamente assunta dagli esseri umani attraverso l’alimentazione. Tanto che i ricercatori concludevano che “non si conoscono danni alla salute umana derivanti dal consumo alimentare di metil-eugenolo”.

D’altronde il basilico – il cui nome fa riferimento alla “regalità” di questa pianta – fa parte da millenni della nostra alimentazione: anticamente era considerato una pianta sacra ed era utilizzato per curare disturbi intestinali e digestivi. Inoltre, come emerge anche da un report realizzato nel 2001 dalla Commissione Europea, il metil-eugenolo si trova anche in altre piante usate come spezie o aromatizzanti, come l’anice stellato, la noce moscata o il finocchio, oltre che nelle banane e nelle arance. Tutti vegetali che contengono anche, e in misura maggiore, sostanze utili per la nostra salute oltre che protettive nei confronti dei tumori. La soluzione migliore, dunque, resta quella di puntare su una dieta variata e ricca di vegetali di ogni tipo, e consumare tranquillamente un buon piatto di pasta al pesto – comunque ricco d’ingredienti benefici come aglio, pinoli e olio di oliva – preferendo magari quello preparato a casa per avere la garanzia di utilizzare ingredienti di qualità.

www.vitaesalute.net

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Polveri sottili, le nuove centraline costano troppo. E a Napoli non le comprano: le spostano

next
Articolo Successivo

Le agromafie in Italia non conoscono crisi. Quello che manca è un vero deterrente

next