L’ex moglie del principe Andrea, Sara Ferguson, ha scritto una lettera aperta al tabloid britannico “Hello” in cui ha parlato del rapporto tra le due cognate Kate Middleton e Meghan Markle. “Le continuano a paragonare l’una all’altra, come facevano con me e Diana. Ma noi siamo sempre state molto vicine“, ha detto paragonando la situazione creatasi tra le due cognate mogli dei principi William e Harry a ciò che è già successo a lei e a Lady D.

Anche loro infatti erano cognate e a separarle c’erano solo due anni di differenza, ma molte di più erano le cose che avevano in comune: entrambe molto belle, con il carattere deciso e la personalità allegra. Per questo sono state spesso dipinte come in competizione: “Paragonare una donna all’altra, anche in modo piuttosto fastidioso, è stato un modo di comportarsi che ha coinvolto anche me e Diana. Spesso hanno cercato di ritrarci come ‘rivali’, ma noi non lo siamo mai state”, ha spiegato l’ex moglie del principe Andrea. Le due, in realtà, si conoscevano da ben prima di diventare mogli dei due fratelli reali, perché le loro madri erano andate a scuola insieme. Quando si sono rincontrate nel 1980, Diana aveva 19 anni (e l’anno dopo avrebbe sposato Carlo del Galles) e Sarah 21.

Non solo, Sara Ferguson ha spiegato di aver avuto una bellissima amicizia con Diana e, ancora oggi, quando può, la ricorda con grande affetto. L’avrebbe voluta al suo fianco anche al recente royal wedding della figlia Eugenie: “Quello che mi manca di più è la sua risata tintinnante“, ha raccontato di recente, lasciandosi andare ai ricordi: “Era la mia migliore amica e la persona più divertente che conoscessi. Aveva un tempismo e un tale spirito che era una gioia totale passare del tempo con lei”, ha aggiunto. Le tante foto insieme, infatti, le mostrano spensierate e sorridenti, come in poche altre occasioni: “Ridevamo, ci godevamo la vita così tanto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Negramaro, Lele Spedicato rinuncia al tour per curarsi: “Ho bisogno di un altro po’ di tempo”

next
Articolo Successivo

Brigitte Nielsen racconta la gravidanza a 54 anni: “Avevo solo il 2,5% di possibilità. Ho provato fino allʼultimo embrione”

next