Quattro Oscar 2019 verranno consegnati durante la pubblicità nella diretta sull’ABC. È stato il presidente dell’Academy Awards, John Bailey, ad avvisare in una mail inviata ai suoi collaboratori, che alla 91esima edizione degli Oscar del prossimo 24 febbraio il premio al miglior montatore, direttore della fotografia, cortometraggio animato e quello per il make-up verranno consegnati mentre sullo schermo gli spettatori vedranno gli spot pubblicitari.

Come segnala Hollywood Reporter l’obiettivo dell’Academy è quello di ridurre lo show entro le 3 ore di durata complessiva, al fine di massimizzare gli ascolti. Allo stesso tempo Bailey&Co rassicurano che le categorie premiate durante la pubblicità, candidatesi volontariamente, ruoteranno negli anni, e che probabilmente ci sarà una sintesi in differita dell’assegnazione a fine pubblicità. Le polemiche non si sono fatte attendere. Su Twitter il recente premio Oscar, Guillermo Del Toro, ha scritto: “Fotografia e montaggio sono il cuore del nostro mestiere. Non sono ereditate da una tradizione teatrale o da una tradizione letteraria: sono il cinema stesso”. Altri commenti più o meno variopinti sono piombati sulle pagine social di Hollywood Reporter dove è stata postata la notizia: “vergogna”, “che porcheria”, e poi uno dietro l’altro dichiarazioni di Spielberg e Kubrick rese nel tempo sull’importanza di fotografia e montaggio nel cinema.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festival di Berlino 2019, Christian Bale show: “Cheney il personaggio più terribile”

prev
Articolo Successivo

Basta scene troppo hot: arrivano i censori del sesso. Un po’ come avere una suora sul set

next