Da qualche mese sulla bara del cinema è stato conficcato un altro chiodo. Si chiama intimacy coordinator ed è letteralmente un consulente che aiuta gli attori ad affrontare le scene di sesso nei film e nelle serie tv. Il metodo è quello denominato intimacy for the stage e le principali professioniste del settore si chiamano Alicia Rodis e Ita O’Brien. In pratica i coordinatori dell’intimità fanno due cose:

1. dirigono workshop per attori in cui, come scrive oggi il quotidiano Repubblica, “attori e attrici si abbracciano e si toccano con le loro immagini riflessi sugli specchi alle pareti”;
2. dall’altro seguono passo passo tutte le scene delicate previste negli script e si mettono a confabulare con registi e produttori sui set suggerendo che “la mano sul culo è meglio di no”, “c’è troppa violenza in quello schiaffo”, “la palpata sul seno è esagerata”, e via dicendo.

Insomma è un po’ come avere sul set una suora carmelitana o un frate gesuita o finanche Mario Adinolfi a dettare le regole “d’ingaggio” nel registrare rapporti fisici/corporei tra uomo e donna (donna/donna e uomo/uomo, sia mai). Chiaro, fermo restando gli eccessi libidinosi, le prevaricazioni dei singoli, e perfino le minacce di registi/produttori (leggasi Weinstein) per il lavoro a venire, qui siamo davvero ben oltre la censura dell’espressione creativa.

Immaginate cosa potrebbe accadere in un film di Lars Von Trier, di Paul Verhoeven, di Abdetallif Kechiche o cosa sarebbe potuto succedere in capolavori di Luis Bunuel, Tobe Hooper, Dario Argento. Immaginate cosa avrebbero potuto inventarsi la Rodis o la O’Brien sui set di Basic Instinct, in quello di Nymphomaniac, in quello di Bella di giorno? Sarebbero venute lì con fare mellifluo e “attento Paul quel punteruolo non si usa”, “ehi Lars lo scudiscio sulle chiappe no”, “Luis per cortesia il frustino sulla schiena della Deneuve non si fa”.

Certo, qualcuno arrivato fino a qui mi segnalerà la Maria Schneider di Ultimo tango a Parigi. Bene, bravi, bis. Signori, ve lo ricordo ancora una volta: il cinema è finzione, fantasia, trasformazione di una presunta realtà in artificio. Se gli togliamo la spontaneità, l’autenticità, e finanche l’improvvisazione (così ci affianchiamo al celebre burro bertolucciano) letteralmente lo castriamo e lo rendiamo impotente.

Oramai però la frittata è fatta. Hbo e Netflix se non hanno un intimacy coordinator sui loro set pare non stiano bene (e si vedono i risultati). O’Brien & co. sciorinano perfino vademecum come leggi bibliche: terza persona presente alle prove, accordo preventivo sulle aree di contatto fisico e nudità, come sulla coreografia completa degli atti sessuali. Insomma, una dottrina da ayatollah sugli atti impuri che fa impallidire le battaglie libertarie degli anni Settanta su cosa mostrare e far vedere al pubblico. Con un codino oltretutto paternalista sulla figura dell’attore e delle attrici, trattati come minorati psicofisici, incapaci di intendere e volere. Qualcuno li/le fermi, per cortesia, prima che la narcolessia travolga anche l’ultimo spettatore rimasto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oscar 2019, bufera sull’Academy: quattro premi consegnati durante la pubblicità

next
Articolo Successivo

Festival di Berlino 2019, presentato in anteprima mondiale “Il corpo della sposa” di Michela Occhipinti

next