Quasi un milione e mezzo di streaming in un solo giorno: Mahmood con la sua “Soldi” fa il record di ascolti e diventa il brano italiano con l’ingresso più alto di sempre nella Top 50 globale della piattaforma di streaming Spotify, affermandosi alla posizione numero 40 della classifica mondiale. Non solo, il vincitore del Festival di Sanremo è anche primo nella classifica italiana.

Segue, Ultimo con “I tuoi particolari”, mentre al terzo posto c’è “La ragazza con il cuore di latta” di Irama. Un podio tutto sanremese, ma non solo: seguono infatti il duetto di Federica Carta e Shade, “Senza farlo apposta”, in quarta posizione, la “Rolls Royce” di Achille Lauro alla 5 e “Per un milione” dei Boomdabash alla 6. Ottimo risultato per la rinata Loredana Bertè che piazza “Cosa ti aspetti da me” all’ottava posizione.

Oltre che su Spotify, la canzone di Mahmood è prima anche su Apple Music, su iTunes e nella classifica dei passaggi radio Earone. Nel frattempo su Twitter l’hashtag #mahmood4eurovision lanciato per incitare l’artista a partecipare all’Eurovision Song Contest, è entrato nei Trend Topic.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grammy Awards 2019, da Alicia Keys a Michelle Obama: è l’anno delle donne. La miglior canzone è di Childish Gambino

prev
Articolo Successivo

Festival di Sanremo 2019, musica italiana per orecchie italiane: ecco cosa vogliamo!

next