Centocinquanta migranti a bordo di un gommone sono stati soccorsi da una motovedetta della Guardia costiera libica. Tripoli, secondo quanto si apprende da fonti italiane, ha assunto il coordinamento delle operazioni di soccorso perché l’imbarcazione, alla deriva dopo che il motore ha smesso di funzionare, si trovava nell’area Sar di sua competenza.

Le operazioni di salvataggio sono avvenute dopo la denuncia di Alarm Phone, il servizio telefonico per i migranti in difficoltà in mare, che ha avvertito della chiamata di una barca partita da Khoms, nella parte settentrionale della Libia. L’sos, rilanciato dall’associazione Mediterranea, parlava di 50-60 donne a bordo, di cui alcune incinte, e 30 bambini.

Dopo aver informato le autorità italiane e maltesi, il servizio di allarme ha annunciato di aver perso il contatto con il barcone, sottolineando come né Italia, né Malta si fossero dette disponibili a intervenire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, il fotografo italiano Gabriele Micalizzi “gravemente ferito al volto”. “Non è in pericolo di vita”

prev
Articolo Successivo

Spagna, la destra si compatta in piazza contro Sanchez: “No a dialogo con indipendentisti catalani. Subito elezioni”

next