“Appena finite le prove con Arisa, non vedo l’ora di esibirmi sul palco di Sanremo con questa adorabile ragazza dalla bellissima voce”. Tony Hadley è un tipetto moderno da social. Twitta spesso, anche se nei suoi live si scatena al ritmo di rock vestito all’antica con giacca e panciotto. L’ex voce “di velluto” e frontman degli Spandau Ballet, 58 anni, londinese, ha già duettato nel 2008 a Sanremo con Paolo Meneguzzi in Grande. Ancora un duetto italiano assieme a Caparezza nel 2014 con Goodbye malinconia. Infine l’amore/odio perpetuato negli anni con gli ex Spandau. Si sciolsero nel 1989, poi si ripresero nel 2009 e Hadley lasciò definitivamente il gruppo nel 2017. Querelle infinita, quella delle royalties sui brani, scritti principalmente da Gary Kemp contro cui si è lanciato vent’anni fa Hadley, perdendo. Dall’alto dei suoi 1,93 di altezza ammira da sempre Margaret Thatcher, tanto da essere definito una delle rockstar più conservatrici del Regno Unito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2019, esibizioni da reparto geriatria. L’estate del 1979 è alle porte

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2019, con Enrico Nigiotti c’è Paolo Janacci, talentuoso figlio di Enzo. Del padre dice: “La sua grandezza sta nel riassumere il senso della vita in un sorso di gazzosa”

next