“Sono contento perché vedo tanti giovani di 14, 15 e 16 anni in queste piazze. Tu, quanti anni hai? Undici? Tifi Milan? Dai, sali sul palco”. Al comizio a Sant’Egidio alla Vibrata, in provincia di Teramo, il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha invitato accanto a lui un bambino di undici anni a cui ha dato il microfono. “Sei un grande ministro” ha detto il ragazzino. “Vedete, è venuto lui da me. Non lo sto sequestrando” si è difeso, ironicamente, il leader della Lega, in riferimento alla vicenda della Nave Diciotti per il quale è accusato di sequestro aggravato di persona. Poche ore prima, da un’altra piazza abruzzese, dal pubblico è stato chiesto al titolare del Viminale di togliere la scorta a Roberto Saviano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Di Maio: “Ridimensionamento è supercazzola”. Poi Di Battista si arrabbia con giornalista: “Ma le sembra normale?”

next
Articolo Successivo

Pd, le critiche di Corallo al partito: “Alle prossime elezioni prendiamo una batosta, ne perderemo una dopo l’altra”

next