“Una serie di non conformità” che riguardano sia “la sicurezza della navigazione“, sia “il rispetto della normativa in materia di tutela dell’ambiente marino”. Al termine dell’ispezione amministrativa effettuata sulla nave che ieri ha sbarcato a Catania 47 migranti, la Guardia costiera punta il dito contro la Sea Watch. Fino a quando non verranno risolti i problemi sollevati, ha fatto sapere la Capitaneria di porto, l’imbarcazione della ong tedesca non potrà lasciare il porto di Catania.

Gli ispettori della Guardia Costiera di Catania sono saliti a bordo della Sea Watch 3 per eseguire una verifica tecnica sulle condizioni della nave, in applicazione della Unclos, la Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare. Dell’attività è stata informata l’Olanda, quale Amministrazione di bandiera dell’unità. Le non conformità rilevate “dovranno essere risolte anche con l’intervento dell’Amministrazione di bandiera, in cooperazione con gli ispettori specializzati della Guardia Costiera e il 6° Reparto – Sicurezza della Navigazione del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera”.

A spiegare in cosa consistano le irregolarità rilevate è il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli: “La nostra Guardia Costiera ha effettuato il fermo amministrativo della SeaWatch3 – scrive su Facebook – Stiamo parlando di una imbarcazione registrata come ‘pleasure yacht‘, che non è in regola per compiere azioni di recupero dei migranti in mare. E mi pare ovvio, visto che è sostanzialmente uno yacht. In Italia questo non è permesso”. “Se tu, milionario, compri uno yacht, vai in navigazione per piacere, non per sostituirti alla Guardia Costiera libica o di altri Paesi – aggiunge – Il governo olandese non ha nulla da dire rispetto a una imbarcazione di una Ong tedesca che chiede e ottiene la bandiera dei Paesi Bassi per scorrazzare nel Mediterraneo agendo fuori dalle regole?”.

La risposta dell’organizzazione tedesca arriva su Twitter: “La Guardia Costiera ci notifica il blocco per non conformità su sicurezza navigazione e normativa ambientale – scrive Sea Watch – Le autorità, sotto chiara pressione politica, sono alla ricerca di ogni pretesto tecnico per fermare l’attività di soccorso in mare”.

La nave ha già caricato viveri, carburante e quanto necessario per riprendere la navigazione. E’ arrivato anche il nuovo equipaggio. Giovedì il capo missione e il comandante sono stati sentiti per ore, a bordo della nave, sull’operazione di salvataggio dei 47 migranti e sui successivi movimenti dell’imbarcazione da personale della squadra mobile della Questura e da militari della Guardia di finanza. Da fonti legali della Ong si apprende che, al momento, nessun passaporto è stato ritirato e che nessuna convocazione è stata diramata dalla Procura di Catania.

Giovedì i componenti dell’equipaggio e il comandante sono stati ascoltati fino a tarda ora. Ieri si era sparsa la voce che il Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro volesse sequestrare la nave. Ma per ora non si registrano indagati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, caos al Policlinico Tor Vergata: 71 pazienti su lettini e barelle nei corridoi. In turno solo due infermieri

prev
Articolo Successivo

Droga, irreperibile il narcos Paolo Lumia: attendeva la sentenza della Cassazione

next