Quattro tir parcheggiati sotto al cavalcavia per impedire un suicidio. È successo ieri, mercoledì 30 gennaio, sull’autostrada A22 all’altezza di Bussolengo. Un cittadino moldavo di 48 anni riesce a scavalcare le protezione di un cavalcavia e minaccia di gettarsi. La centrale operativa di Peschiera del Garda riceve una segnalazione, sul posto arrivano carabinieri e polizia stradale. Comincia la mediazione e nel frattempo vengono fermati alcuni tir, formando un tappeto che impedisce all’uomo di buttarsi. Dopo una lunga conversazione con i negoziatori, il 48enne desiste.

L’episodio, fotografato da alcuni testimoni, è avvenuto nel tratto di autostada tra Affi e Verona Nord che è stato a lungo chiuso al traffico. Secondo il racconto dei carabinieri, l’uomo ha spiegato che la moglie aveva chiesto la separazione e, a suo dire, gli impediva di vedere suo figlio minorenne. Dopo essere stato portato in salvo, il cittadino moldavo, ancora in stato di agitazione, è stato trasportato in ambulanza all’ospedale di Bussolengo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezia, volantini anonimi in piazza San Marco: preti accusati di pedofilia, chiesa di essere omertosa. Curia: “Denunciamo”

prev
Articolo Successivo

Torino, due fast food nell’area universitaria. La protesta: “Più spazi per studenti, fuori i privati dall’ateneo”

next