“Fuori i privati dall’università”. Con questo slogan, un centinaio di studenti universitari ha provato a raggiungere l’ingresso dei due fast food che sono stati aperti da poco vicino alla sede delle facoltà umanistiche, Palazzo Nuovo.  “Protestiamo perché è stato costruito un campus universitario urbano che verrà pagato dall’Università in 29 anni alla società che ha tirato su la palazzina – racconta una delle rappresentanti degli studenti – questi soldi sono stati spesi male perché invece di aule studio ci hanno costruito un Burger King”. Dopo essere stati respinti dalla polizia, gli studenti hanno provato a raggiungere il Rettorato dove sono stati caricati dalla polizia in tenuta antisommossa. “In altri paesi europei hanno tentato di limitare la presenza di fast food vicino alle scuole – racconta il responsabile del Green Office dell’Università di Torino Egidio Dansero – questa vicenda ci pone questo tema per il futuro”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A22, minaccia di gettarsi dal cavalcavia: i tir parcheggiati sotto glielo impediscono

next
Articolo Successivo

Prato, bimbi di un asilo cinese picchiati e presi a bacchettate: ai domiciliari due maestre. Indagata anche terza educatrice

next