Diciannovemila capi di abbigliamento e accessori verosimilmente contraffatti e trasformati in vestiti griffati per un valore di tre milioni di euro. È quanto scoperto in un magazzino di Sesto San Giovanni dalla guardia di finanza di Milano durante l’operazione “fake luxury“.

Il locale appartiene a una società milanese del settore dell’abbigliamento. Il rappresentante legale della società, un cittadino italiano, è stato denunciato a piede libero per introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi e ricettazione. I militari del nucleo di polizia economico-finanziaria del capoluogo hanno sequestrato la merce che era destinata al mercato milanese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Porto Recanati, 29enne trovata morta nella sua macchina vicino all’Hotel House: sospetta overdose

prev
Articolo Successivo

Multopoli, dalla principessa al cavaliere fino agli esponenti della destra romana: ecco chi sono i furbetti della sanzione

next