“Ciò che più adoro di lei è la sua allegria”. Così Luca Trapanese, papà single, gay, parla di sua figlia Alba, bimba affetta dalla sindrome di down. Alba oggi ha poco più di anno ed è stata affidata a Luca quando aveva solo 30 giorni. “Ho fatto richiesta al registro dei single – racconta – per accogliere un minore che difficilmente riesce ad essere collocato presso coppie: si tratta di bambini con disabilità, o con l’Hiv, o che hanno subìto violenza, o di colore, o che hanno più di 10 anni. L’ho fatto con il desiderio di avere un figlio con disabilità, che secondo me equivale a diversità e quindi a ricchezza. E’ stata una scelta consapevole”. La sua storia è raccontata nel libro “Nata per te“, scritto a quattro mani con Luca Mercadante.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Asia Bibi, la Corte suprema del Pakistan ha confermato l’assoluzione

next
Articolo Successivo

Sea Watch, Giorgia Linardi: “Ammissibile il nostro ricorso a corte Ue diritti dell’uomo. Sbarco? Nessuna notizia”

next