“Ciò che più adoro di lei è la sua allegria”. Così Luca Trapanese, papà single, gay, parla di sua figlia Alba, bimba affetta dalla sindrome di down. Alba oggi ha poco più di anno ed è stata affidata a Luca quando aveva solo 30 giorni. “Ho fatto richiesta al registro dei single – racconta – per accogliere un minore che difficilmente riesce ad essere collocato presso coppie: si tratta di bambini con disabilità, o con l’Hiv, o che hanno subìto violenza, o di colore, o che hanno più di 10 anni. L’ho fatto con il desiderio di avere un figlio con disabilità, che secondo me equivale a diversità e quindi a ricchezza. E’ stata una scelta consapevole”. La sua storia è raccontata nel libro “Nata per te“, scritto a quattro mani con Luca Mercadante.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Asia Bibi, la Corte suprema del Pakistan ha confermato l’assoluzione

next
Articolo Successivo

Sea Watch, Giorgia Linardi: “Ammissibile il nostro ricorso a corte Ue diritti dell’uomo. Sbarco? Nessuna notizia”

next