Esisteva una volta il Movimento 5 Stelle. Ormai non rimane più nulla del vecchio grillismo.

Di Maio e compagnia pur di rimanere al governo sono disposti a tutto. Rinnegano loro stessi talmente tante volte che anche Giuda diventerebbe un coerente a loro confronto.

Ora è il momento della richiesta arrivata al Senato dal Tribunale dei ministri per l’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini. Il reato ipotizzato è grave: sequestro di persona. Ed è bene ricordarlo.

Un normale cittadino andrebbe direttamente a processo mentre per un Parlamentare esiste la cosiddetta immunità parlamentare. Ossia senza autorizzazione del Parlamento non si può processare l’imputato. Negli anni l’immunità parlamentare è sempre stata usata in maniera distorta. Ma è bene ricordare che il Movimento 5 Stelle ha sempre detto di essere contro i privilegi della casta e ha inserito nel suo programma la riforma dell’immunità parlamentare.

Altro aspetto importante da ricordare è che nel contratto di governo giallo-verde è previsto che non possano far parte del governo persone sottoposte a processo per reati gravi. Questi i dati e i fatti oggettivi.

Salvini aveva in un primo momento tolto dall’imbarazzo i 5Stelle dichiarando che non avrebbe usato l’immunità parlamentare e si sarebbe fatto processare. Di Maio e Paragone avevano subito preso la palla al balzo per dichiarare che avrebbero votato sì alla richiesta di autorizzazione a procedere. Ma non avevano fatto i conti con la diabolica e cinica strategia della Lega: erodere il più possibile il consenso degli ex grillini.

Ecco la mossa politica di Salvini. Stamane, con una lettera addirittura sul Corriere della Sera, il leader leghista inchioda il Movimento 5 Stelle affermando di non volersi più far processare. Motivo: interesse pubblico e quindi politico. Di Maio incastrato. Ora cercheranno tutte le giustificazioni di questo mondo ma francamente vedere i grillini difendere Salvini anche su questo episodio è umanamente desolante.

Erano nati incendiari.
Erano per l’onestà.
Erano contro la casta.
Erano contro i privilegi.
Erano contro gli inciuci.
Erano contro la Lega.
Erano contro Salvini.

Bene, nel giro di pochi mesi per arrivare al potere hanno rinnegato tutto. E Salvini si diverte ad umiliarli: li fa girare come trottole e li obbliga a contraddirsi ogni volta. Il tutto giocando sulla pelle di povere persone. Ora voteranno anche contro l’autorizzazione a procedere. Troveranno la scusa che avevano capito male e che era una decisione del governo. Insomma, il governo intero sarebbe da accusare di sequestro di persona. Memorabili i tempi in cui Grillo diceva di essere diverso dalla Lega sull’immigrazione. O quando diceva di volere accogliere tutti gli immigrati.

Intanto Salvini ringrazia e continua a speculare ed aumentare nei sondaggi rubando i voti ai 5 Stelle.

E diciamolo chiaramente. Cosa distingue oggi la Lega dal Movimento 5 Stelle? Nulla. Ha un obiettivo diverso dalla Lega? No. Quindi, cari grillini, continuate così e del vostro Movimento non rimarrà nulla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ponte Morandi, via stop esenzione tasse Toninelli: “Sarà in altro provvedimento” Toti: “Pasticcio, governo rimedi”

next
Articolo Successivo

Primarie Pd, scontro sui numeri. In testa nei circoli c’è Zingaretti, ma non basta: “Stop polemiche, la partita è aperta”

next