“In Libia mi hanno torturato, guardate le mie ferite: ho il corpo martoriato. Io sarei voluto tornare a casa, quando mi sono reso conto di quel che accadeva lì, ma dalla Libia non c’è modo di tornare indietro”. È questo il racconto di uno dei migranti a bordo della Sea Watch, ferma al largo di Siracusa da giorni, fatto ai parlamentari Riccardo Magi, Nicola Fratoianni e Stefania Prestigiacomo, saliti a bordo dell’imbarcazione domenica mattina. “Vengo dal Gambia. Sono stato in Libia 5 anni, ho lavorato 3 anni per avere i 1000 euro per tentare la traversata verso l’Europa. Quando ci hanno salvato, eravamo felici. Ma adesso, da nove giorni in questo posto, iniziamo ad avere problemi igienici e non c’è un posto dove dormire. Iniziamo a puzzare, non c’è modo neanche di lavarci. È molto dura, è così difficile”.

Video dal profilo Facebook di Riccardo Magi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jerry, il 29enne ghanese paralizzato dopo un pugno su un bus. Raccolta fondi per le cure: “Colpiti dalla sua storia”

next
Articolo Successivo

Sea Watch, memoria del governo a Cedu: “Giurisdizione è olandese. Ong ha messo a rischio i naufraghi con atto temerario”

next