“In Libia mi hanno torturato, guardate le mie ferite: ho il corpo martoriato. Io sarei voluto tornare a casa, quando mi sono reso conto di quel che accadeva lì, ma dalla Libia non c’è modo di tornare indietro”. È questo il racconto di uno dei migranti a bordo della Sea Watch, ferma al largo di Siracusa da giorni, fatto ai parlamentari Riccardo Magi, Nicola Fratoianni e Stefania Prestigiacomo, saliti a bordo dell’imbarcazione domenica mattina. “Vengo dal Gambia. Sono stato in Libia 5 anni, ho lavorato 3 anni per avere i 1000 euro per tentare la traversata verso l’Europa. Quando ci hanno salvato, eravamo felici. Ma adesso, da nove giorni in questo posto, iniziamo ad avere problemi igienici e non c’è un posto dove dormire. Iniziamo a puzzare, non c’è modo neanche di lavarci. È molto dura, è così difficile”.

Video dal profilo Facebook di Riccardo Magi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jerry, il 29enne ghanese paralizzato dopo un pugno su un bus. Raccolta fondi per le cure: “Colpiti dalla sua storia”

prev
Articolo Successivo

Sea Watch, memoria del governo a Cedu: “Giurisdizione è olandese. Ong ha messo a rischio i naufraghi con atto temerario”

next