In politica è importante essere coerenti. Negli ultimi anni abbiamo assistito a molte carriere stroncate da affermazioni a cui sono poi seguiti comportamenti diametralmente opposti. Per questo è comprensibile la strategia dei 5 Stelle di annunciare il loro voto favorevole al processo contro il vice-premier Matteo Salvini. Per i 5 Stelle, salvo che nei casi di reato di opinione commessi nel reale esercizio delle proprie funzioni, parlamentari e ministri vanno trattati alla stregua di tutti gli altri cittadini. Fare un’eccezione per loro vorrebbe dire perdere consensi. Anche perché in questi mesi il governare ha già spinto il Movimento a prendere parecchie posizioni non in linea con quanto affermava quando era all’opposizione: la Tap, l’Ilva e molto altro.

La coerenza oggi è insomma obbligata. Ma se i 5 Stelle vogliono battere questa strada fino in fondo devono pure fare i conti con delle altre dichiarazioni pubbliche: quelle in cui dicevano che la linea Salvini sul caso Diciotti era di tutto l’esecutivo. Se le cose stanno realmente così, non è sufficiente spiegare, come fa Luigi Di Maio, che durante un eventuale processo contro i ministri andranno a testimoniare di essere sempre stati d’accordo con lui e di aver condiviso ogni decisione. Perché è evidente per tutti che un conto è essere imputati e un conto è essere ascoltati in tribunale come semplici persone informate sui fatti.

I cinque stelle hanno quindi un’unica strada: presentare al più presto un’autodenuncia davanti alla procura di Catania contro tutti i componenti del Consiglio dei ministri scelti dal loro Movimento. E poi chiedere a gran voce un processo anche per loro.

La scelta di bloccare per cinque giorni gli sbarchi dalla Diciotti, a parere di chi scrive, non è stata una bella trovata ed è esecrabile sotto molti punti di vista: a partire da quello umanitario. Eppure, anche dopo aver letto la memoria inviata al Senato dai giudici del tribunale dei ministri, siamo pronti a scommettere che tutto finirà in un’assoluzione. Ma se non fosse così, alla luce delle dichiarazioni di Di Maio, è perfettamente ingiusto che a rischiare la condanna sia solo Salvini. Se i 5 Stelle sono convinti di quello che hanno fatto devono pretendere di essere imputati pure loro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5s, deroga per i portavoce uscenti: “Potranno ricandidarsi anche se in passato hanno corso contro Movimento”

next
Articolo Successivo

Paragone: “Da Pd polemiche inutili sul ritorno di Grillo in tv. Attacco di Cottarelli a una ‘Rai sovranista’? È un ‘mona’”

next