“Purtroppo la storia non si può cambiare e se Beppe Grillo ha contribuito a scrivere un pezzo di televisione italiana non vedo perché non debba essere inserito come altri in un programma che ne parla. Il resto solo polemiche inutili, in particolare quella sul diritto d’autore a meno che non decidano di cambiare la legge ad personam”. A dirlo, in un videomessaggio su Facebook, il senatore del M5s, Gianluigi Paragone, capogruppo in Vigilanza Rai. Paragone ha anche affrontato il dibattito nato dopo la messa in onda, durante la trasmissione Povera Patria, su Rai2, di una videoscheda sul signoraggio bancario, attaccando l’economista Carlo Cottarelli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Diciotti, il sì non basta: il M5s si autodenunci e finisca imputato con Salvini

next