A seguito degli scontri tra ultras in via Novara a Milano che hanno preceduto l’incontro di calcio Inter Napoli del 26 dicembre 2018, con il conseguente decesso di un tifoso, la questura del capoluogo lombardo, d’intesa con l’autorità giudiziaria, ha svolto un’attività di indagine che ha consentito di individuare subito nove ultras interisti resisi protagonisti dell’aggressione ai supporter partenopei e di arrestarne 6, 3 dei quali nell’immediatezza e 3 nei giorni successivi e di indagare ad oggi 28 coinvolti negli scontri. Il giorno successivo, 27 dicembre, il questore Marcello Cardona ha emesso d’urgenza nei confronti di sette ultras interisti Daspo di cui 5 della durata di otto anni e 1 della durata di cinque anni con obbligo di presentazione alla P.G. e infine n.1 per la durata di cinque anni ma senza obbligo di firma. Il 24 gennaio è stato emesso 1 Daspo con obbligo di presentazione alla p.g. nei confronti di un ultras interista.

Inoltre, nella seconda metà di gennaio, a seguito degli ulteriori sviluppi delle indagini che hanno permesso di individuare e identificare altri partecipanti agli scontri, il questore di Milano ha emesso nei confronti di ultras napoletani 14 provvedimenti DASpo d’urgenza di cui 12 semplici per tre anni e 2 con obbligo di presentazione alla p.g. per cinque anni. Tutti i provvedimenti elencati sono stati tutti estesi, ai sensi dell’art. 6 legge 401/89, anche alle competizioni calcistiche internazionali (champions league, europa league, supercoppa europea, coppa intercontinentale ed altre). Quelli aggravati dall’ulteriore prescrizione dell’obbligo di presentazione alla p.g. prevedono che i destinatari si presentino alla firma presso gli Uffici di Polizia, mezz’ora dopo l’inizio e mezz’ora prima della fine di ogni partita di calcio delle squadre F.C. Internazionale e del Napoli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, la Cei si offre di accogliere i minori a bordo della nave. Unicef: “Farli scendere subito. Non sono ostaggi”

prev
Articolo Successivo

Salento, raid razzista in casa di un 22enne della Sierra Leone: colpito con una sedia. “Mi urlava: ‘Vai via, non è il tuo paese'”

next