“Riportiamo socialità laddove c’era delinquenza”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini consegnando questa mattina al Comune di Roma un villino con box confiscato alla periferia della Capitale, in via Vernio n. 20. “Questo è uno dei 295 beni confiscati e assegnati l’anno scorso in tutti i comuni del Lazio ai cittadini”, spiega Salvini che al suo arrivo, prima di visitare il villino, è stato contestato da una cittadina, con una bandiera arcobaleno sulle spalle che ha gridato: “assassino!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Giulio Regeni, Fico: “Al Sisi mi ha mentito, l’Egitto copre gli apparati che lo uccisero”

next
Articolo Successivo

Grillo: “Migranti? Sia M5s che Lega vogliono impedire mercimonio della sofferenza. Impediamo false speranze”

next