“Sia noi che la Lega intendiamo impedire questo mercimonio della sofferenza”. La gestione dei migranti, i rapporti con la Lega e i primi mesi al governo: in una lunga intervista ad America Oggi, Beppe Grillo è tornato a parlare di attualità e delle misure messe in campo dall’esecutivo gialloverde. “Puoi fare come Minniti che ha bloccato il varco senza dirlo esplicitamente”, ha detto. “Oppure puoi impedire lo spaccio di false speranze e ridiscutere la questione a livello Ue. Il che significa anche graffiarsi un po’ con la Francia, che non resiste ai suoi istinti colonialisti”.

Il cofondatore e garante del Movimento ha quindi parlato dei rapporti con il Carroccio, difendendo la scelta di accettare di firmare il contratto con Matteo Salvini: “Il rapporto con la Lega è un continuo confronto, anche sofferto, con una diversa sensibilità nella modalità di affrontare le problematiche politiche. Tuttavia, non si può negare che il connubio M5s-Lega sia vincente. Ha consentito la realizzazione di rilevanti azioni politiche, molto avversate, contro la povertà”.

Grillo ha quindi parlato di uno dei temi che, dice, gli stanno più a cuore, ovvero “la democrazia diretta”: “Le dico una cosa”, ha continuato, “siamo sotto attacco perché viene descritta come una specie di legge del selvaggio west. La forza con cui attaccano il Reddito di Cittadinanza è un esempio: la demonizzazione a costo di insultare tutto il Paese come fosse un calderone di diavoletti furbi. Un atteggiamento elitario e francamente cattivo verso la gente”. Quindi ha dato garanzie sul fatto che gli strumenti per la partecipazione in rete saranno garantiti da enti terzi: “Il Movimento ha in mano la chiave di accesso alla democrazia diretta e la sta migliorando e potenziando. Ovviamente, i nostri avversari, lo dipingono come uno strumento orwelliano, ma è ovvio che quando sarà il paese a funzionare in questo modo lo strumento per la gestione della democrazia diretta sarà pubblico, non lo gestirà di certo Casaleggio. Saranno istituiti dei sistemi di garanzia e certo non senza i necessari passaggi costituzionali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, contestatrice solitaria contro Salvini. La donna, con la bandiera arcobaleno sulle spalle gli urla “assassino”

prev
Articolo Successivo

Silvio Berlusconi, 25 anni dopo: il bilancio in 3 punti del primo populista dei tempi moderni

next