Su questo mio blog, si è discusso parecchio di veicoli elettrici, spesso scatenando grandi discussioni. Ma quasi nessuno di quelli che si sono dichiarati pro o contro all’idea lo fa avendone cognizione diretta – ovvero da possessore di auto elettrica. Non c’è di che stupirsi, qualche mese fa ero a un convegno sulla mobilità elettrica e uno degli oratori ha chiesto agli astanti – in principio tutti esperti della materia – quanti di loro si muovessero normalmente su veicoli elettrici. Solo io ho alzato la mano (per la cronaca, eravamo una quindicina).

Allora, cosa vuol dire avere un veicolo elettrico e non solo: cosa vuol dire usarlo tutti i giorni? Dalla mia esperienza di possessore di un motorino elettrico puro, vi posso dire che è una bella soddisfazione. Va benissimo, ti porta dove vuoi e non spendi un centesimo di benzina. Se volete sapere il modello, è un Oxygen Cargo Scooter, è un peccato che non li fanno più e la ditta che li faceva è sparita. Ho anche un’auto elettrica, ma è un oggetto un po’ sperimentale di cui vi racconterò un’altra volta. Al momento, quando viaggio su quattro ruote, viaggio su una ibrida.

Quindi, per avere un idea di cosa vuol dire avere un’auto elettrica di ultima generazione, potete leggere questo commento del mio amico e collega Nicola Armaroli, ricercatore presso l’istituto ISOF del CNR a Bologna, pubblicato qualche settimana fa su Facebook e che riproduco qui con il suo permesso.

di Nicola Armaroli

5 mesi e mezzo di auto elettrica, oltre 7000 km, piccolo bilancio economico e ambientale. Vi risparmio i dettagli spicci e vado al sodo.

– Risparmio carburante: 630 €
– Risparmio bollo (6 mesi): 120 €
– Risparmio assicurazione: 200 €
– Risparmio parcheggi strisce blu: 50 €
1000 € tondi tondi (sembra fatto apposta …)

A questo dovrei aggiungere almeno 200 € di tagliando (0 € ora) e qualche eventuale extra, dato che l’auto vecchia aveva 14 anni. Ma voglio stare dalla parte dei bottoni.

Altri dettagli: solo elettricità rinnovabile: zero m3 di gas, zero kg di carbone, zero litri di petrolio. Zero NOX, PM2,5, Ozono. Zero particolato dalla pastiglie dei freni: solo freno motore.
Zero danno ai nostri polmoni. 5 secondi per fare rifornimento nella stazione privata di casa (in foto): giusto il tempo di attaccare la spina, poi lei fa tutto da sola. Io intanto faccio cose più utili e salutari che respirare vapori di gasolio: ceno, lavoro, guardo la partita, dormo.

Meditate. Buon 2019 a tutti!

5 mesi e mezzo di auto elettrica, oltre 7000 km, piccolo bilancio economico e ambientale. Vi risparmio i dettagli spicci…

Pubblicato da Nicola Armaroli su Lunedì 31 dicembre 2018

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, il Comune studia bonus per chi usa la bicicletta: “Un premio per rendere più vivibile la nostra città”

prev
Articolo Successivo

Xylella, nel dl Semplificazioni obbligo di ‘applicare misure per fermarla: anche abbattere ulivi. Carcere per chi non lo fa’

next