Andare in bicicletta a Roma potrebbe pagare. Nel senso che potrebbe essere proprio il Comune a retribuire gli indomiti ciclisti. L’amministrazione capitolina pentastellata, infatti, sta studiando la possibilità di introdurre un bonus in denaro – o attraverso altri benefit, si vedrà – in favore di chi utilizza le due ruote per i propri spostamenti. Una misura già sperimentata a Bari e a Cesena, dove gli enti pubblici rimborsano anche 25 centesimi a chilometro.

Nel capoluogo pugliese, addirittura, è previsto un incentivo per l’acquisto di una bicicletta nuova. A riverlarlo a ilfattoquotidiano.it è il presidente della commissione capitolina Mobilità, Enrico Stefano, che per mercoledì prossimo ha convocato una riunione ad hoc sul tema. “Siamo ancora nella fase dello studio di fattibilità – spiega il consigliere M5S – dunque è ancora presto per capire quanto tempo ci vorrà. Dovremo prima capire bene che tipo di premialità inserire, parlare con la società che ha il brevetto di questo sistema e poi fare un passaggio in Avvocatura per i dettagli giuridici”. Però “ci stiamo lavorando seriamente – assicura Stefano – il nostro intento è quello di intraprendere tutte le azioni possibili per disincentivare l’utilizzo del mezzo privato, specie delle automobili e promuovere la mobilità alternativa e condivisa”.

L’applicazione cui fa riferimento il consigliere pentastellato è PinBike, brevettata dalla Fb Innovation srl di Corato, in provincia di Bari. Il sistema è piuttosto semplice: a chi aderisce al programma viene chiesto di installare sulla propria bicicletta una sorta di rilevatore che, in collegamento con la centrale, rende tracciabile il veicolo. Da remoto, come accade con il car-sharing, la sala operativa verifica gli spostamenti con il gps e, ovviamente, che la velocità sia compatibile con quella di una bicicletta. “Trovandoci in presenza di una tecnologia brevettata – spiega Stefano – forse non avremo bisogno di un bando pubblico. Basterà comunque seguire l’esempio degli altri comuni”.

Ma quanto potrebbe guadagnare un ciclista convinto con questo sistema? Gli spostamenti giornalieri a Roma, solo per andare a lavoro, sono in media anche di 4-5 chilometri a “viaggio”. Questo significa che su 10 chilometri giornalieri sarebbe possibile ottenere bonus anche di 2 euro al giorno, che alla fine del mese potrebbero portare 60-70 euro. Insomma, non proprio cifre da secondo lavoro, ma “un premio per rendere più vivibile la nostra città”. Una cifra così ridotta che potrebbe anche arrivare sotto forma di altri benefit: “A me piacerebbe regalare biglietti degli autobus o ingressi gratuiti nei Musei o al Teatro dell’Opera, magari anche per qualche concerto. Bisogna studiarla bene, tutte le proposte sono ben accette”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terra dei Fuochi e Lombardia, mal comune ‘sommo gaudio’ per chi le governa

next
Articolo Successivo

Auto elettrica, cosa vuol dire averla per davvero?

next