I circoli Pd del Municipio 5 di Milano (Bellezza, Gratosoglio, Vigentino e Open Bocconi) si sono riuniti per ascoltare le presentazioni delle mozioni dei cinque candidati alle primarie in vista del voto. Per gli iscritti la linea che dovrà adottare il nuovo segretario del partito, dopo il 3 marzo, sul rapporto col M5s, deve restare quella di oggi: no al dialogo. “Gli italiani si devono rendere conto fino in fondo che non valgono nulla” riflette un elettore. “Sono incapaci, non hanno un’idea di politica se non quella della sussistenza” afferma una delle poche under 30 presenti alla serata. Anche Matteo Renzi mette tutti d’accordo: “È una risorsa. Tra qualche anno lo vedremo alla guida del partito”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bolzano, il leghista Pancheri contro i gay: ‘Associazione dei finocchi’. Presidente: ‘Non si può dire’. E lui: ‘Sì, non è offensivo’

next
Articolo Successivo

Pd, contestazioni ai dirigenti nel circolo di Milano: “Proposte vaghe”. E mancano i giovani: “Cambiare il linguaggio”

next