La nuova Lexus ES vuole convincere soprattutto le aziende, dagli user chooser alle flotte: e vuole farlo puntando sui caposaldi del brand, ovvero la tecnologia ibrida e l’elevato comfort di marcia. Il nuovo modello arriva in un anno cruciale per il business del marchio: a marzo, infatti, debutterà la nuova UX, urban-crossover che in Italia potrebbe far raddoppiare le vendite di Lexus, portandole dalle circa 4 mila del 2018 a 7,4 mila unità. L’impatto della settima generazione di ES, invece, è previsto marginale: il target di vendita è di circa 300 pezzi, su una fetta di mercato – quella delle berline premium di grandi dimensioni – che ne vale 7,6 mila.

La ES è uno dei modelli Lexus più apprezzati: dal 1989 ne sono state vendute oltre 2,3 milioni di unità a livello globale. Eppure, nel vecchio continente arriva solo ora, forte di una piattaforma costruttiva a trazione anteriore completamente nuova: è la New Global Architecture – K (GA-K). Sotto al cofano c’è un 4 cilindri benzina di 2.5 litri a ciclo Atkinson da 178 Cv e 221 Nm abbinato a un’unità elettrica da 120 Cv e 202 Nm, alimentata da una batteria al nichel-metallo idruro, collocata sotto il divanetto per non sottrarre spazio al bagagliaio, da 454 litri. La potenza complessiva è di 218 cavalli.

Ma non bisogna farsi ingannare dai numeri: questa berlina vuole essere soprattutto confortevole e non apprezza particolarmente le andature troppo vivaci. Colpa soprattutto della trasmissione a variazione continua, che genera un elevato effetto di trascinamento: ad ogni pestone sul gas, il cambio E-CVT fa salire al massimo il regime di rotazione del 4 cilindri, facendo aumentare sensibilmente la rumorosità interna. E l’accelerazione, poi, non è nemmeno brillantissima. Meglio andare più adagio, privilegiando la fluidità, godendosi l’ottima messa a punto del telaio, l’egregio assorbimento delle sospensioni la comodità dei sedili (gli ingegneri giappnesi ci hanno messo 3 anni per svilupparli) e la prontezza dello sterzo: un mix di ingredienti che assicurano un’elevata tenuta di strada. Senza contare che pure l’insonorizzazione ne guadagna esponenzialmente.

Il vero asso nella manica dell’auto, oltre alla pregevole finitura interna, è l’efficienza: nel ciclo Wltp il consumo medio dichiarato è di 5,3 litri/100 km (4,4 secondo la vecchia omologazione Nedc), con emissioni di CO2 di 119,5 g/km (100 con Nedc). Un dato ragguardevole per una vettura da quasi 5 metri di lunghezza. Molto completa la dotazione dell’allestimento base, il “Business”, offerto a 50.800 euro: include fari full Led, navigatore, tetto apribile e sedili elettrici. Fra gli ausili elettronici di guida figurano frenata automatica di emergenza con riconoscimento pedoni e ciclisti, il cruise control adattivo e il lane assist.

Per chi cerca di più c’è la “Executive”, che costa 56 mila euro: aggiunge la selleria di pelle, il dispositivo di monitoraggio dell’angolo morto nei retrovisori e quello che controlla il traffico di coda in retromarcia che, se necessario, arresta l’auto per evitare collisioni. Più sportiveggiante la F-Sport, offerta a 58.200 euro: ha le sospensioni a controllo elettronico, cerchi da 19” e una specifica modalità di guida sportiva. Al vertice la versione “Luxury”: l’assegno da staccare in questo caso è di 64 mila euro e si aggiungono alla dotazione il climatizzatore trizona, lo schermo del navigatore da 12,3” (anziché di 8”) e i sedili posteriori riscaldabili. Per tutte, permutando un’auto usata, c’è uno sconto dal listino di 8.500 euro.

LEXUS ES 300h – LA SCHEDA

Il modello: E’ la settima generazione della berlina che Lexus lanciò nel lontano 1989, vendendone fino ad oggi 2,3 milioni di esemplari nel mondo

Dimensioni: Lunghezza m. 4.975, larghezza m. 1.865, altezza 1.445

Motore: 2.5 benzina da 178 Cv, accoppiato a un’unità elettrica per un potenza totale di 218 Cv

Consumi Ciclo Wltp: 5,3 l/100km

Emissioni: 119.5 g/km di CO2

Prezzo: da 50.800 a 64.000 euro. Sconto di 8.500 sul listino con auto da permutare

Ci piace: Livelli di comfort alti, telaio ottimo, sedili comodissimi

Non ci piace: Sarà anche in linea con la configurazione più efficiente, ma il cambio E-CVT continua ad essere il punto debole della tecnologia ibrida del gruppo Toyota

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porsche 911 GT3 RS, la prova de Il Fatto.it – Un Natale molto cattivo – FOTO

next
Articolo Successivo

Kia Proceed, la prova de Il Fatto.it – In pista con la wagon sportiva – FOTO

next