James Watson, che ottenne premio Nobel per la struttura del Dna nel 1962 insieme a Sir Francis Crick (grazie anche ai dati di Rosalind Franklin), ha recentemente reiterato affermazioni razziste sulla minore intelligenza delle persone di colore per le quali era già stato costretto a lasciare la sua posizione di prestigio al Cold Spring Harbour Laboratory nel 2007. Come risultato gli sono stati revocati i titoli onorifici di cui ancora godeva presso l’università. Il caso in sé è di scarso interesse: Watson era noto per questa ed altre prese di posizione non soltanto discriminatorie ma anche scientificamente infondate, che presentava come dati di fatto. Che oggi, a novant’anni, le ripeta non aggiunge gran che alla sua storia personale, e nulla alla scienza. Oggi, come in precedenza, tutti gli scienziati si sono sono dissociati dalle affermazioni di Watson: infatti tutte le misure finora effettuate dimostrano che l’intelligenza è distribuita nello stesso modo in tutti i gruppi umani e in entrambi i sessi; e che comunque le differenze individuali interne ai gruppi etnici comunque definiti sono molto più grandi delle eventuali differenze tra i gruppi.

E’ più interessante chiedersi perché persone indubbiamente di grande intelligenza si lancino in affermazioni stupide, infondate e autolesionistiche: la psicologia di James Watson, e di molti altri scienziati “stravaganti” è più interessante delle loro stravaganze. Ad esempio Luc Montagnier, premio Nobel per la Medicina nel 2008, persegue esperimenti completamente fantascientifici e teorie inconsistenti sulla trasmissione dell’informazione che egli presume essere contenuta nelle soluzioni omeopatiche; e Kary Mullis, premio Nobel per la Chimica nel 1993, sosteneva (e forse sostiene ancora) che l’Aids non è causato dall’Hiv.

Un grande scienziato non è soltanto intelligente e dedicato: deve avere anche una mentalità peculiare, costituita da una miscela rara di tratti psicologici tra loro contrastanti. Tutti i ricercatori devono prima di tutto essere scettici ed esercitare una forte critica nei confronti del lavoro proprio ed altrui. Parafrasando Ippocrate, la realtà è complessa, la scienza è difficile e l’errore è comune. Il ricercatore che non esercita l’analisi critica più attenta sui dati e sul disegno sperimentale rischia di essere travolto dagli errori e finisce per trovare il moto perpetuo, la cura di tutti i tumori, la memoria dell’acqua o l’energia orgonica: esempi reali, di cose inesistenti che ben più di qualcuno ha creduto di avere scoperto. La maggioranza dei ricercatori eccede nello scetticismo e nell’autocritica: noi siamo quasi tutti dei travet della ricerca e troviamo cose piccole e banali; se la scienza dipendesse da noi avanzerebbe lentissimamente. I grandi scienziati sono in grado, quando è necessario, di superare la prudenza e di intuire la grande scoperta occasionalmente nascosta sotto il dato strano o inatteso. Ma l’intuizione non può essere indiscriminata: la maggioranza dei dati strani è dovuta ad errori e all’incompleto controllo delle variabili pertinenti e soltanto in una esigua minoranza dei casi il dato strano o inatteso apre la strada alla grande scoperta.

Il grande scienziato coniuga prudenza e ardimento intellettuali ed è guidato da curiosità e ambizione. Non sempre queste caratteristiche psicologiche, tra loro antitetiche, rimangono in equilibrio tra loro, e in alcuni con l’avanzare dell’età la prudenza cede il posto all’ambizione, al desiderio di stupire e alla sopravalutazione delle proprie capacità. Il grande scienziato, magari premio Nobel, che perde le capacità autocritiche è grandemente dannoso per la società, perché diventa un potente elemento dell’anticultura, e si presta involontariamente ad essere usato a sostegno di interessi più grandi di lui e probabilmente deleteri. Se James Watson, un po’ per senilità e un po’ per autoaffermazione, giustifica il razzismo dobbiamo respingere la sua affermazione, anche se lui ha il premio Nobel e noi no. Possiamo, alla luce dei suoi meriti passati, essere clementi con la persona, mai con l’idea. Il consenso della comunità scientifica allargata, la sua posizione di maggioranza, è più grande e pesante dell’opinione del premio Nobel. Quando il premio Nobel ha ragione, la comunità scientifica lo segue, quando ha torto lo respinge; e così dovrebbe fare la società. Le eccezioni a questa regola sono temporanee: le scoperte di Galileo furono osteggiate mentre l’autore era in vita, ma accettate soltanto cinquant’anni dopo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La dieta in bianco è davvero utile per guarire quando non si sta bene?

next
Articolo Successivo

Luna, la Cina: “C’è vita sul nostro satellite. Germogliato seme di cotone”

next