A dicembre l’export cinese ha segnato la flessione più marcata da due anni, calando del 4,4% anno su anno dopo la crescita del 5,4% segnata a novembre. Le attese erano per un rallentamento della crescita a 3%. Calo inatteso anche per le importazioni, scese di 7,6% su anno dopo +3,0% in novembre, mentre il consensus suggeriva un’espansione di 5%. L’indebolimento della domanda cinese è percepito in tutto il mondo, con il rallentamento delle vendite di beni che vanno dagli iPhone alle automobili e che hanno innescato warning di colossi come Apple e Jaguar Land Rover, che la scorsa settimana ha annunciato pesanti tagli di posti di lavoro.

Il dato deludente di dicembre indica che l’economia cinese potrebbe essersi raffreddata più velocemente del previsto nella parte finale dell’anno, nonostante le misure per rilanciare la crescita varate negli ultimi mesi che vanno da un aumento della spesa per infrastrutture a riduzioni fiscali.

In compenso i dati resi noti lunedì evidenziano che la Repubblica popolare ha registrato nel 2018 un avanzo commerciale con gli Stati Uniti da record, che potrebbe spingere il presidente Donald Trump ad alzare la pressione su Pechino. Il surplus si è allargato del 17,2% a 323,32 miliardi di dollari, il livello più alto nella serie storica risalendo fino al 2006, secondo i calcoli Reuters basati su dati doganali.

Nell’intero 2018 le esportazioni globali totali della Cina sono salite del 9,9%, realizzando la performance più forte da sette anni, mentre le importazioni sono aumentate del 15,8%. Tuttavia le cifre relative a dicembre, unite a vari mesi di flessione degli ordini all’industria, suggeriscono un ulteriore indebolimento delle esportazioni nel breve termine.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Germania, “nel quarto trimestre 2018 lieve crescita del pil”. Evitata recessione

prev
Articolo Successivo

Debito pubblico, Commissione Ue: “Quello italiano nel 2029 sarà al 146,5% del pil se Paese non cambia politiche”

next