Una domenica bestiale per Barbara D’Urso che alle dieci in punto ha ricevuto un verdetto amaro: 3.046.000 telespettatori e il 12,63% di share. Un flop, per molti aspetti clamoroso, per il ritorno de “La Dottoressa Giò“, considerando anche l’assenza di concorrenza nel target di riferimento della serie. Prendendo in considerazione il fortissimo battage pubblicitario che ha preceduto la messa in onda e l’assenza di spot pubblicitari durante il primo episodio.

Io sono 22 anni che chiedo di fare la Dottoressa Giò. Alla fine il mio editore, che si chiama Piersilvio Berlusconi, ha ceduto, l’ho stalkerizzato, gli ho detto: ‘per favore fammi fare la Dottoressa Giò’. Mi ha detto: ‘guarda non ce la faccio più, ti faccio fare la Dottoressa Giò ma è una tua responsabilità’”, ha raccontato la conduttrice a Verissimo. E i dubbi di Berlusconi erano fondati perché Barbara D’Urso sembra essere troppo intrappolata nel suo personaggio televisivo per risultare ancora credibile come attrice, per creare un patto con lo spettatore. La Dottoressa Giò diventa la Dottoressa D’Urso, ne ripropone le faccette e i temi tipici dei suoi programmi quotidiani.

Il prodotto qualitativamente sembra richiamare a Gli occhi del cuore di Boris con Renè Ferretti pronto a urlare: “Cagna Maledetta“. L’immagine non è distante dal The Lady di Lory Del Santo, lontana dunque anni luce da quanto dovrebbe proporre Canale 5 in prima serata. La trama e il livello recitativo fanno rimpiangere i tanti discussi prodotti Ares con Manuela Arcuri e Gabriel Garko, archiviati proprio per bassi ascolti e per la volontà di alzare il tiro dal punto di vista qualitativo.

Su Twitter in pochi minuti si sono scatenati gli utenti tra gif, meme e prese in giro: “In due ore (DUE!) la #DottoressaGio: – vince un processo – si riappropria del suo posto di lavoro – rischia due colpi di pistola – fa nascere 44 bambini – salva un gruppo di ragazzine dalla prostituzione E siamo solo alla prima puntata…“,  sottolinea un utente scherzando sulla trama. “Barbara D Urso sta violando tutte le norme igieniche dettate dall’OMS”, “Tra un attimo comparirà Ilaria Dalle Palle fuori dall’ospedale”, “Comunque bisogna ammetterlo: la Dottoressa Giò si è calata benissimo nei panni di Barbara d’Urso” e ancora “L’espressione di terrore per la pistola puntatale contro è più o meno lo stesso di quando Aida Nizar apriva bocca a Pomeriggio Cinque.”

Gli scivoloni non si contano: la controfigura durante l’incidente iniziale ha un colore diverso di capelli rispetto all’attrice, la serie è ambientata nel 2000 ma tutti hanno i phone moderni, tablet e smartphone. La fiction ora rischio un calo nelle prossime puntate, a peggiorare il clima il ritorno sottotono di Domenica Live che nella nuova collocazione, alle 17.20, ha ottenuto solo il 12,7%-11,5% pareggiando contro La Prima volta di Cristina Parodi al 12,2%. Una domenica bestiale, appunto.