Il Nuovo Sacher di Nanni Moretti si è riempito, con persone lasciate fuori dai cancelli, per l’evento della mattina di sabato 12 gennaio “La parola antifascista” organizzato dal settimanale l’Espresso a Roma dopo l’aggressione subita dal giornalista Federico Marconi e dal fotografo Paolo Marchetti entrambi al cimitero Verano per la commemorazione dei gruppi neofascisti dei morti di Acca Larentia. “Non ci troviamo per parlare del fascismo ma di cosa significa oggi l’impegno antifascista – dice a ilfattoquotidiano.it il direttore de l’Espresso Marco Damilano – che è un elemento fondante della nostra Costituzione”. Sul palco, tra gli altri, sono intervenuti i volontari del Baobab, lo storico Guido Crainz, gli studenti del Virgilio, Diego Bianchi, Aboubakar Soumahoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fontana di Trevi, le monetine non più alla Caritas: “Ipotesi è usarle per restauro monumenti e progetti sociali”

next
Articolo Successivo

Cuneo, tenta di uccidere il marito avvelenandogli il cibo in ospedale: il video che incastra la moglie

next