Il Nuovo Sacher di Nanni Moretti si è riempito, con persone lasciate fuori dai cancelli, per l’evento della mattina di sabato 12 gennaio “La parola antifascista” organizzato dal settimanale l’Espresso a Roma dopo l’aggressione subita dal giornalista Federico Marconi e dal fotografo Paolo Marchetti entrambi al cimitero Verano per la commemorazione dei gruppi neofascisti dei morti di Acca Larentia. “Non ci troviamo per parlare del fascismo ma di cosa significa oggi l’impegno antifascista – dice a ilfattoquotidiano.it il direttore de l’Espresso Marco Damilano – che è un elemento fondante della nostra Costituzione”. Sul palco, tra gli altri, sono intervenuti i volontari del Baobab, lo storico Guido Crainz, gli studenti del Virgilio, Diego Bianchi, Aboubakar Soumahoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fontana di Trevi, le monetine non più alla Caritas: “Ipotesi è usarle per restauro monumenti e progetti sociali”

next
Articolo Successivo

Cuneo, tenta di uccidere il marito avvelenandogli il cibo in ospedale: il video che incastra la moglie

next