Lenovo, primo produttore mondiale di PC, si presenta al Consumer Electronic Show di Las Vegas con due novità tanto importanti quanto singolari: le rinnovate linee di notebook professionali ThinkPad X1 Carbon e ThinkPad X1 Yoga. Protagonisti non sono nuovi processori o i nuovi chip grafici che hanno tenuto banco ieri, ma un cambio di rotta sui materiali impiegati per il rivestimento della base. Quelli, in sostanza, si cui mettete le mani quando usate il portatile.

Tradizionalmente Lenovo ha sempre fatto uso della fibra di carbonio. Una scelta voluta in virtù del fatto che questo materiale è resistente e leggero allo stesso tempo. Non a caso, viene impiegato anche nella costruzione delle monoposto di Formula 1. Una scelta di pregio, quindi, che però ha un inconveniente: chi non è a conoscenza dei dettagli pensa di avere per le mani un prodotto rivestito di comune plastica. Nonostante la grande differenza di prezzo e di proprietà, infatti, i due materiali risultano molto simili al tatto.

Lenovo ThinkPad X1 Carbon

 

Per risolvere quello che è più che altro un problema d’immagine Lenovo ha quindi pensato di dotare il ThinkPad X1 Carbon di settima generazione con una finitura in fibra di carbonio intrecciata. In pratica, invece di essere un pannello nero uniforme, il coperchio ha una trama visibile e riconoscibile al tatto. Una soluzione, per intenderci, che già concorrenti come Toshiba hanno adottato in precedenza per i prodotti più costosi.

Sul fronte del ThinkPad X1 Yoga, il notebook convertibile in tablet, c’è invece un cambio netto di materiale. Abbandonata la fibra di carbonio, si è passati all’alluminio CNC (Computer Numerical Control), lavorato a macchina. Benché l’alluminio sia un materiale notoriamente più pesante della fibra di carbonio, Lenovo ha ridotto le cornici attorno allo schermo e le dimensioni complessive del prodotto, così da diminuire comunque il peso complessivo del prodotto. Risultato: i potenziali clienti resteranno piacevolmente sorpresi.

Per il resto le novità da segnalare circa questi due prodotti sono decisamente poche, salvo un ordinario rinnovamento della configurazione dell’X1 Carbon. Installa processori Intel Core di ottava generazione, affiancati da 8 o 16 GB di RAM e da uno spazio di archiviazione fino a 2 TB. Invariato lo schermo da 14 pollici con risoluzioni da 1.920 × 1.080 pixel a 4K, a seconda degli allestimenti.

L’X1 Yoga non presenta novità sotto l’aspetto della configurazione. I nuovi modelli non sono ancora in vendita, arriveranno in commercio nei prossimi mesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il distributore automatico funziona senza le monetine, basta un’app. Azienda italiana premiata al CES di Las Vegas

prev
Articolo Successivo

HTC presenta Vive Cosmos e Vive Pro Eye, i visori per la realtà aumentata con tracciamento degli occhi e sensori di movimento integrati

next