Assenteismo, cassonetti dati alle fiamme, vandalismo. In una parola “boicottaggio”. Il Campidoglio si sente sotto attacco. Così, dopo la contestazione subita la notte di Capodanno e la lettera dell’associazione dei presidi che minaccia la non riapertura delle scuole, Virginia Raggi è al lavoro su un dossier da presentare alla Procura di Roma che fotografa lo stato dell’arte della raccolta dei rifiuti a Roma ed evidenza alcune “stranezze”. Il documento, in realtà, non è un esposto specifico, non si ipotizzano reati, ma “si mettono in fila fatti”. Quasi una memoria preventiva, anche in ragione del fatto che il pm Carlo Villani – che già indagava sul malfunzionamento dei tmb Rocca Cencia e Salario – ha aperto un’inchiesta specifica sul degrado in cui versano attualmente le strade della Capitale.

OLTRE 300 CASSONETTI BRUCIATI NEL 2018 – A quanto apprende IlFattoQuotidiano.it, un paragrafo specifico del dossier sarà dedicato al vandalismo. L’Ama, la società capitolina che si occupa della raccolta rifiuti, ha contato nel corso del 2018 oltre 350 cassonetti dati alle fiamme, di cui 50 soltanto la notte di Capodanno. Più in generale, la media annua dei contenitori – cassonetti, cestoni, ecc – incendiati o vandalizzati è di 600 unità. La stessa municipalizzata ha presentato finora 35 denunce per furti – spesso con effrazioni e danni – presso i centri di raccolta aziendali, di cui 20 nel 2017 e 15 nel 2018. Sempre sul fronte degli incendi, prima del rogo che l’11 dicembre ha distrutto il Tmb Salario, nel corso del 2018 c’erano stati altri 2 episodi presso le isole ecologiche di viale Palmiro Togliatti e Acilia. “Si presuppone anche che vi sia un’unica cabina di regia dietro questi incendi – azzarda il presidente della Commissione capitolina Ambiente, Daniele Diaco – Siamo evidentemente sotto attacco ma noi non molliamo. Continuiamo a lottare per Roma e per i romani, per riportare legalità, ordine, decoro, civiltà”.

L’ASSENTEISMO IN AMA – Ma in Campidoglio sospettano anche della presunta inefficienza del personale Ama. Già nell’aprile scorso – dati che saranno aggiornati e riportati nel dossier – l’azienda aveva denunciato il 15,6% di assenteismo totale, sommando però i cosiddetto “giustificativi”: 5,69% assenze per malattia, 1,69% per infortunio (in crescita rispetto all’1,32% di inizio anno), 1,49% per maternità, il 6,74% per ‘altri motivi’, fra cui i tanti permessi per la legge 104. Dati comunque migliori rispetto al 17% fatto registrare durante i tre anni del sindaco Ignazio Marino.

IL CAMPIDOGLIO: “A SCUOLE LA PRIORITÀ” – “Noi daremo il massimo supporto alla regione Lazio e alla città di Roma”, ha detto nel frattempo il vicepremier Luigi Di Maio. Anche se da Ama dicono di avere la situazione “sotto controllo” e che il quadro sia addirittura “migliore” rispetto alle festività natalizie 2017-2018. “Ama ci informa – fanno sapere dal Campidoglio – che dai primi riscontri sul campo la maggior parte delle circa 3mila scuole di Roma è stata monitorata già questa mattina. Tutte le eventuali criticità sono oggetto di intervento urgente in modo da ripristinare il decoro già entro la giornata di oggi”. A IlFattoQuotidiano.it, l’ufficio stampa di Ama spiega che “rispetto allo scorso anno sono state raccolte circa 400 tonnellate in più di rifiuti, ben 7.800 tonnellate nei primi tre giorni dell’anno”. “Non ci risultano – proseguono fonti dell’azienda – forti criticità sul territorio, a parte postazioni piene di rifiuti per le quali sono in corso interventi supplementari in III e in XV Municipio”.

LE INDAGINI SUL TMB SALARIO – Nel dossier ci sarà anche spazio per l’incendio del Tmb Salario, le possibili cause e i movimenti dei privati, in primis quelle del “Supremo” Manlio Cerroni. Venerdì mattina i vigili del fuoco e i carabinieri del Noe si sono recati nuovamente nell’area sequestrata alla caccia del possibile innesco, ma di evidenze sul possibile dolo dell’incendio non ve ne sono. La sindaca, a quanto si apprende, potrebbe allegare al documento da consegnare in Procura anche le lettere del patron del Colari in cui il 92enne imprenditore si propone di “risolvere il problema dei rifiuti romani” attraverso la riapertura del tmb Guidonia, il funzionamento a pieno regime del tritovagliatore e la realizzazione di un termovalorizzatore di ultima generazione. Oltre alla relazione dell’Antitrust che ipotizza un cartello fra le imprese private per boicottare le gare d’appalto milionarie di Ama per lo smaltimento dei rifiuti lavorati.