I cambiamenti che Carlo Freccero ha annunciato per Rai 2 scatenano le critiche del Partito democratico, che accusa il neo-direttore della seconda rete di aver “epurato” il duo comico Luca e Paolo “colpevole di averci fatto ridere” con una gag sul ministro Danilo Toninelli. Fino alla battuta di Matteo Renzi che dice: “Non credo sia questo il motivo: Toninelli fa ridere anche da solo”. Ma a frenare sono i diretti interessati e in particolare Paolo Kessisoglu, che con Luca Bizzarri conduceva la striscia quotidiana di satira ‘Quelli che… dopo il tg‘, sospesa appunto da Freccero: “Parlare di epurazione mi pare esagerato perché siamo ancora su Rai2 con ‘Quelli che il calcio‘”, spiega all’AdnKronos. “Per ora noi sappiamo che il programma è stato sospeso. Non userei il termine epurazione perché sono cose che possono capitare“, aggiunge Paolo, pur non nascondendo la delusione: “Certo ci chiediamo il perché della chiusura di una striscia quotidiana con ascolti in salita e non in discesa”.”

Giovedì in conferenza stampa il neo-direttore della seconda rete nazionale ha illustrato quali saranno le principali novità, dal ritorno di Daniele Luttazzi, perché “finita l’epoca di Berlusconi e quella di Renzi ci mancherebbe che si proibisca la satira“, fino ai nuovi programmi in nome di una maggiore informazione, come una trasmissione di approfondimento al termine del Tg. “È una lacuna che deve essere colmata subito – ha spiegato Freccero – una vergogna”. Per questo motivo salterà ‘Quelli che… dopo il Tg‘, il programma di Luca e Paolo: “Ci tengo a loro ma purtroppo oggi l’esigenza della Rai è un’altra e cioè avere un programma di approfondimento”, ha chiarito Freccero.

Una spiegazione a cui però non ha creduto il Pd, con il deputato Andrea Romano che su Twitter scrive: “Un violento editto Freccero contro chiunque critichi il governo Lega/M5s: via Luca e Paolo da Rai2, colpevoli di averci fatto ridere su Toninelli. Una gag straordinaria, da rivedere prima che l’epurator Freccero la tolga anche dal web”. Con le scelte di Freccero se la prende anche Alessia Morani: “Epurati Luca e Paolo per leso Toninelli e leso Casalino, sfrattato Costantino della Gherardesca che faceva ascolti, smembrato Nemo. Calata la scure sovranista su Rai 2″, accusa l’esponente democratica, appoggiata dal senatore Salvatore Margiotta, componente della Vigilanza Rai: “Il palinsesto di Rai 2 parte dalla cancellazione di Luca e Paolo e di tutti coloro che possono non essere d’accordo con la nuova linea sovranista della rete. Freccero non tollera più la satira sui ministri Cinquestelle”, è la sua accusa.

“Mi spiace che il nuovo-vecchio direttore di Rai2 Freccero abbia cancellato la striscia di Luca e Paolo sul Tg2. Luca e Paolo mi hanno fatto morbido tante volte, sono stati loro a trasformare ‘Stai sereno‘ in un tormentone, durante il Sanremo 2014“, commenta anche Renzi nella sua e news. “Dicono che la loro esclusione derivi dal fatto che facessero ironie su Toninelli. Non credo sia questo il motivo: Toninelli fa ridere anche da solo”, conclude poi l’ex premier. Intervistato da Repubblica, anche il deputato Pd e segretario della commissione di vigilanza Rai, Michele Anzaldi, attacca Freccero e definisce il ritorno di Luttazzi, che manca in Rai dal 2001, “uno specchietto per le allodole“. “In realtà Freccero elimina la satira. Non c’è solo il caso di Luca e Paolo, che pagano l’imitazione di Toninelli sul ponte. È grave anche lo spostamento di Enrico Lucci in seconda serata”, attacca. “E per fare cosa? Per estendere l’approfondimento affidato a quel direttore del Tg2 che è un campione di faziosità“, chiude Anzaldi riferendosi a Gennaro Sangiuliano.