“Quando un vicepremier dice che per lui, da padre, i vaccini sono troppi, inutili e dannosi, questo non è solo un approccio ascientifico. È antiscientifico“. A due settimane dall’annuncio delle sue dimissioni da presidente dell’Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi cita un’uscita di Matteo Salvini per spiegare al Corriere della Sera le ragioni di quella scelta. Il docente di Medicina 59enne parla di una collaborazione “mai decollata” con il governo Conte, del timore he l’Iss “fosse sottoutilizzato a causa della mia presenza, dato che non vengo ritenuto in linea con i partiti oggi al potere” e di un’incompatibilità tra la sua posizione e le “posizioni ascientifiche o francamente antiscientifiche” sostenute da alcuni esponenti dell’esecutivo, malgrado “il buon rapporto personale con la ministra della Salute, Giulia Grillo“.

Ricciardi aveva lasciato la carica di presidente dell’Istituto ufficialmente per tornare a dedicarsi al suo “ruolo di professore” universitario, come aveva spiegato lui stesso alla ministra. Due settimane prima, il 4 dicembre, Giulia Grillo aveva revocato i 30 membri non di diritto del Consiglio Superiore di Sanità. E dopo il passo indietro di Ricciardi, erano arrivate altre tre dimissioni dall’Istituto di sanità. Allora però il già ex presidente dell’Iss aveva taciuto su possibili ragioni politiche dietro alla sua decisione, evitando anche di citare un’altra vicenda che lo aveva coinvolto, ovvero il suo presunto conflitto di interesse denunciato prima da un libro di Giulia Innocenzi e più recentemente da un’inchiesta delle Iene.

Ora, nella sua intervista al Corsera, Ricciardi spiega che la motivazione principale del suo addio “è che dopo 4 anni e mezzo di lavoro intensissimo avevo raggiunto gli obiettivi che mi ero prefissato: il risanamento economico-finanziario, la riorganizzazione, il rilancio dell’Istituto”. Ma, ammette, c’è anche “una seconda ragione. Malgrado il buon rapporto personale con la ministra Grillo, la collaborazione tra l’Istituto e l’attuale governo non è mai decollata. Al contrario, su molti argomenti alcuni suoi esponenti hanno sostenuto posizioni ascientifiche o francamente antiscientifiche”.

Ecco quindi le critiche ai partiti al potere, cominciando dalle frasi dette da Salvini sui vaccini: “Cosa sarebbe di troppo, cosa sarebbe inutile o dannoso questo esponente del governo non lo ha detto. In realtà in Italia stiamo applicando i protocolli e gli schemi internazionali sulle vaccinazioni”. Ma Ricciardi cita anche un altro cavallo di battaglia del ministro dell’Interno: “Dire in continuazione che i migranti portano malattie è senza fondamento e mette in difficoltà le istanze tecniche, costrette a una specie di autocensura per non contraddire il livello politico”.

Poi il professore 59enne se la prende anche la posizione del ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, sui termovalorizzatori, “senza parlare del provvedimento del governo che amplia le opzioni per lo smaltimento dei fanghi in agricoltura“. Ricciardi specifica invece che la legge di bilancio “non è una concausa” delle sue dimissioni, anche se rimangono le “preoccupazioni per il futuro del Servizio sanitario nazionale. “Gli equilibri finanziari della sanità pubblica sono insostenibili – continua – ma anche in questa legge di bilancio non si vedono misure tali da garantire una svolta in futuro”.

L’ex presidente dell’Iss critica infine il governo anche per aver creato “un nuovo organismo di consulenza affidato a un esterno” sui vaccini. “Tutto questo mi ricorda la raccomandazione di Donald Trump al National Institute for Health degli Stati Uniti: non pronunciare più il termine ‘evidence-based‘, basato su prove scientifiche. È un atteggiamento studiato dai populisti, che hanno una grande difficoltà a interagire con la scienza”, dice Ricciardi. Ma ricorda anche di non aver “mai avuto pressioni dal governo precedente” e da quello in carica. “Guai se la politica interferisce con la scienza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fico, l’imitazione del deputato di Forza Italia Baldelli è (quasi) perfetta. E il presidente della Camera reagisce così

next
Articolo Successivo

Espulsioni M5s, alcuni miei colleghi al Senato sono professionisti del dissenso

next