Il “figlio del Krakatoa“, il vulcano Anak,c ontinua a eruttare e le autorità indonesiane hanno invitato anche oggi la popolazione e i turisti a stare lontani dalle spiagge nel timore che possa verificarsi una seconda devastante onda di tsunami. A riferirlo, i media locali.
Le abitazioni distrutte sono state 600, 12mila gli sfollati a cui si aggiungono quasi 300 morti e oltre mille feriti. Nel video, le impressionanti immagini girate sopra il vulcano diffuse dalla ministra della Marina dell’Indonesia, Susi Pudjiastuti.

Secondo il portavoce dell’Agenzia per la gestione dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, il sistema di allarme nelle zone devastate dallo tsunami in Indonesia “non è operativo dal 2012”, a causa della scarsità di fondi, atti di vandalismo e problemi tecnici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tsunami in Indonesia, il cantante sopravvissuto all’onda in lacrime: “Pregate per mia moglie e i dispersi”

prev
Articolo Successivo

Indonesia, oltre 370 morti e più di 1400 feriti. “Sistema di allarme per gli tsunami non funziona dal 2012”

next