Il Tribunale arbitrale per la giurisdizione sul caso dei due marò – Massimiliano Latorre e Salvatore Girone – ha fissato le nuove date per l’udienza finale che si terrà dall’8 al 20 luglio 2019 a L’Aja. I giudici dovranno poi emettere la sentenza entro sei mesi. L’udienza – nel procedimento che oppone Italia e India su quale dei due Paesi debba processare i fucilieri di Marina per aver sparato e ucciso due pescatori il 15 febbraio 2012 – era stata inizialmente fissata per lo scorso 22 ottobre, poi rinviata per la morte di uno dei cinque giudici, quello di parte indiana, sostituito a novembre. I due militari erano imbarcati sulla petroliera Enrica Lexie in funzione anti-pirateria.

Le udienze dureranno una settimana, ma per la sentenza i due marò – rientrati in Italia rispettivamente nel 2014 e nel 2016 dopo essere stati confinati nell’ambasciata italiana di New Delhi – dovranno attendere la prossima estate. La partita è ancora tutta da giocare, ma è difficile che i marò torneranno in India dove sono stati detenuti anche in carcere in varie città del Kerala, da Kochi a Kollam, a Trivandrum e poi, poi dal 2013, a New Delhi, aspettando la fine di una vicenda. Nel 2014 Latorre è stato colpito da un ictus e aveva avuto l’autorizzazione dalle autorità indiane a tornare in Italia per curarsi. Nel 2016 anche Girone aveva ottenuto dalla Corte Suprema l’autorizzazione a trascorrere in Italia il periodo prima della sentenza della Corte per l’Arbitrato, con il parere decisivo del governo di New Delhi per “ragioni umanitarie”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cesare Battisti, ipotesi fuga in Bolivia: “Lì ha molte amicizie e l’appoggio del vicepresidente Alvaro García Liniera”

prev
Articolo Successivo

Marocco, due turiste scandinave uccise sull’Atlante. Media: “Violentate e sgozzate”. Arrestato un sospetto

next