E’ in corso nell’Aula della Camera la discussione generale sul ddl anticorruzione. Al dibattito, che si protrarrà per l’intera mattinata, è presente il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.
La votazione sul provvedimento, che è alla Camera in seconda lettura in quanto è stato modificato al Senato rispetto al primo testo, è prevista nel pomeriggio.

“Quelle sulla prescrizione non sono misure per ostacolare le garanzie del processo”. Lo ribadisce nell’aula della Camera il sottosegretario alla Giustizia Vittorio Ferraresi nella replica del governo sul ddl anticorruzione, su cui si è conclusa la discussione generale. “La riforma del processo penale per accorciarne la durata la volevamo già fare. Noi lanciamo un messaggio di speranza agli onesti che non si vogliono vedere scavalcare dai disonesti, a chi vuole la meritocrazia. Fare andare avanti le persone che meritano i risultati e non solo quelli che si affidano alle raccomandazioni ed alle mazzette. Questo Paese non si può più permettere la corruzione”, conclude.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Buche Roma, il governo manda l’esercito. Emendamento in manovra: il Comune compra il bitume, il Genio rifà le strade

prev
Articolo Successivo

Manovra, arrivo in aula slitta alle 17 di giovedì. “Conte e Tria riferiranno dopo il parere della Ue”. Pd: “Occupiamo Senato”

next