È polemica a Taranto per l’iniziativa di ArcelorMittal – nuova proprietaria dello stabilmente siderurgico ex Ilva – che regalerà per Natale, ai bambini fino a 6 anni, un giro sulla pista di pattinaggio sul ghiaccio di piazza della Vittoria. Contro la proposta, sopratutto, il gruppo ambientalista “Giustizia per Taranto”, che invita al boicottaggio. L’associazione sulla propria pagina Facebook ha pubblicato un post, ottenendo centinaia di condivisioni, nel quale ArcelorMittal è raffigurata come il Mangiafuoco di Pinocchio che muove le sue marionette, rappresentate dai ragazzini: “Grazie ArcelorMittal, sappiamo che a Natale sono tutti più buoni. E mentre continuate a bruciare carbone, a sprigionare piombo, benzoapirene, idrocarburi nei nostri polmoni, e a farci ingerire diossine, evitate di prenderci in giro con questi doni”. “Speriamo – aggiunge Giustizia per Taranto – che questa iniziativa possa essere boicottata da tutti i cittadini che hanno un minimo di dignità”.

C’è chi ha ricordato i tempi in cui la famiglia Riva, ex proprietaria del siderurgico, finanziò le fontanelle del cimitero San Brunone. “Se fossimo un popolo che difende i propri figli – commenta il gruppo dei Genitori Tarantini – non ci cascheremmo. Il fumo negli occhi, i pacchetti regalo per farci stare zitti, non funzionano più. Ridateci la speranza, una vita dignitosa e sana”. “Vogliamo i giardini per fare giocare i nostri figli e quelli che verranno – aggiungono i Genitori Tarantini – Pretendiamo che vadano a scuola, sempre, anche quando soffia il vento, e non che si ammalino perché respirano questi fumi maledetti. Vogliamo che vivano come tutti i bambini del mondo“.

Secondo l’iniziativa del colosso industriale con sede in Lussemburgo, fino al 20 gennaio, dal lunedì al venerdì, i bambini “avranno a disposizione i pattini e, per i più piccoli, un simpatico sostegno a forma di pinguino per non cadere” è la promozione dell’azienda. Arcelor precisa peraltro anche di avere “aderito al programma natalizio del Comune di Taranto, contribuendo alla realizzazione delle luminarie per la città”, auspicando di “trascorrere questo primo Natale di ArcelorMittal Italia simbolicamente insieme a tutta la comunità di Taranto, di cui l’azienda vuole essere parte integrante, guardando al futuro”.