Ha staccato i sigilli, forzato la serratura e ha rioccupato la casa abitata da Giuseppe Casamonica, già confiscata e liberata lo scorso 17 luglio durante un blitz contro il clan. Così la fidanzata 19enne del figlio dell’uomo, ritenuto a capo dell’omonimo clan, si è riappropriata della casa sulla Tuscolana ed è stata denunciata per occupazione abusiva di stabile confiscato.

L’abitazione era stata affidata dal Nucleo Investigativo di Frascati all’Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati. A scoprire la giovane, che si era sistemata all’interno dello stabile di vicolo di Porta Furba 55, i carabinieri della stazione di Roma Tuscolana con i militari del nucleo operativo della compagnia di Roma Piazza Dante, durante un’attività investigativa in zona. Sul posto è giunto anche il personale dell’Agenzia Nazionale dei Beni sequestrati e confiscati, che, assieme ai carabinieri presenti, ha liberato l’immobile, ripristinato la serratura ed apposto nuovamente i sigilli.

L’ultima operazione ai danni dei “sovrani di Roma sud” risale allo scorso 20 novembre, quando la polizia locale di Roma ha sgomberato per abbatterle 8 villette appartenenti al clan sinti, mettendo in campo oltre 500 uomini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, sequestrato cantiere della ditta del sindaco di Mariglianella per presunte irregolarità edilizie

prev
Articolo Successivo

Mafia capitale, Buzzi: “Da Rutelli in poi ho contribuito a tutte le campagne. Ma Alemanno non era ‘comprato'”

next