Chiamami col tuo nome avrà un sequel. A confermare la notizia che tanti fan della pellicola pluripremiata firmata da Luca Guadagnino stavano aspettando è stato lo stesso autore del romanzo da cui è stato tratto il film, André Aciman, che  su Twitter ha annunciato di essere già al lavoro su un nuovo libro. “Mi piacerebbe un sequel di Chiamami col tuo nome. Infatti ne sto scrivendo uno“, ha scritto lo scrittore statunitense smentendo le dichiarazioni rilasciate qualche tempo fa dallo sceneggiatore del film, James Ivory, secondo cui non ci sarebbe stato nessun seguito.

Chiamami col tuo nome racconta una tenera e delicatissima storia d’amore tra il giovane Elio (Chalamet) e un ragazzo un po’ più grande, Oliver (Hammer), sullo sfondo di una placida estate italiana negli anni ‘80 nelle campagne lombarde. Il film ha ricevuto moltissimi premi e diverse nomination agli Oscar, vincendo quella per la sceneggiatura. Ora non ci sono più dubbi: Elio e Oliver, i due protagonisti, torneranno con nuove avventure. “Io e Armie (Hammer, Oliver nel film, ndr) siamo al 1000 per cento disponibili”, ha commentato Timothéé Chalamet, l’interprete di Elio nel film. Come anticipa il Guardian, il nuovo romanzo sarebbe incentrato tutto sulle vite di Elio e Oliver venti anni dopo quell’estate in cui vissero una breve ma intensa storia d’amore che li ha toccati nel profondo.

Anche il regista Luca Guadagnino ha confermato che nei suoi piani c’è l’idea di dare un seguito alla storia con addirittura una serie di sequel: “Secondo me, Call Me può essere il primo capitolo delle cronache della vita di queste persone che abbiamo incontrato in questo film – ha dichiarato un una recente intervista -. E se nel primo abbiamo visto la storia di uno che cresce e di un altro che diventa uomo, forse il prossimo capitolo potrebbe essere sulla posto di quel giovane nel mondo, cosa vuole e cosa resta a qualche anno da quel pugno emotivo che lo ha reso quello che è?”, ha aggiunto il regista. Insomma, non resta che attendere che Aciman ultimi il nuovo romanzo e che Guadagnino lo trasformi in un altro capolavoro.