“Noi stiamo piantando un seme di indipendenza, attraverso la capacità di auto prodursi”. Alessandro Di Battista torna con la 5° puntata de ‘L’Orizzonte lontano’, in esclusiva per gli abbonati alla piattaforma televisiva Loft. Dopo aver lasciato il Messico e attraversato il Belize, Alessandro, Sahra Lahouasnia e il piccolo Andrea arrivano in Guatemala, presso la comunità di Nuevo Horizonte, nella regione del Péten. Alessandro c’era stato la prima volta nel 2005. Qualche anno dopo inizia a lavorare nel campo della cooperazione internazionale, in una piccola associazione di nome Amka. “Poi ho preso un’altra strada – ricorda l’ex parlamentare Cinque Stelle -, ma Amka continua a sostenere Nuevo Horizonte con un progetto meraviglioso che si chiama ‘Cresciendo Unidos’”. Lo scopo è garantire ai locali la possibilità di produrre ciò che mangiano. In una parola: sovranità alimentare. “Qui si coltivano 15mila alberi all’anno, come avocado, cacao e frutta locale”, racconta Di Battista. Gli alberi sono destinati ai poveri della regione del Péten, a nord del Guatemala. La materia prima è locale e naturale: “Per realizzare tutto questo si utilizzano semi autoctoni e non si utilizza nulla di chimico”, dice il leader Cinque Stelle. In Guatemala, del resto, la malnutrizione è una piaga: “Si mangia poco e si mangia male, e il diabete avanza”, racconta Di Battista. ‘Cresciendo Unidos’ non è solo un’idea agroalimentare, ma un cambiamento sociale. Il responsabile del progetto è un italiano, Valerio Frattura: “‘Cresciendo Unidos’ è un’azione politica, il tentativo di rendere indipendenti le persone di questa comunità e delle comunità limitrofe, offrendo anche formazione”. Minacciate dalle multinazionali, le persone si organizzano con le loro forze. Valerio sostiene i guatemaltechi insegnando loro ad essere autonomi: “Noi stiamo piantando un seme di indipendenza, il seme dell’indipendenza passa attraverso la capacità di auto prodursi”.

‘L’Orizzonte lontano’ è un format realizzato e prodotto in esclusiva per la piattaforma televisiva Loft. Le prime 4 puntate sono disponibili per gli abbonati su iLoft.it.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: è vero che in Campania servono nuovi inceneritori?

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi, ospiti Marco Travaglio e Pietro Senaldi su Nove venerdì 30 novembre alle 22.45

next