“Oggi si parla di Brexit, ma avrò sicuramente qualche scambio. Con chi? Io parlo con tutti. Ieri c’è stato un clima molto sereno, di confronto e c’è un dialogo aperto. Abbiamo parlato di quello che stiamo facendo: in cinque mesi stiamo rivoluzionando il paese e continueremo a farlo. Non abbiamo parlato di saldi finali, ma delle verifiche che stiamo facendo con le relazioni tecniche e i tecnici, e abbiamo detto quali sono le nostre riforme e il nostro piano”. Così il premier Giuseppe Conte, entrando al Vertice straordinario sulla Brexit, mostrando ai giornalisti il dossier che ha portato ieri al presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker dove c’è una ricognizione delle riforme fatte, in via di approvazione e future.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, la stretta di mano tra Conte e Juncker: “Non litighiamo, we are friends”

next
Articolo Successivo

Manovra, Tajani: “Non è questione di cene, ma di sostanza. Governo ancora in tempo per cambiare”

next