Almeno tredici persone, tra cui due bambini, sono rimaste ferite questa mattina a Milano a causa della brusca frenata di uno dei convogli della linea 1 della metropolitana, la rossa che conduce a Rho. Nessuno sembrerebbe grave.

L’incidente è avvenuto attorno alle 8,05 alla fermata Uruguay. Sul posto è arrivato subito il 118. Uno dei passeggeri, un uomo di 58 anni, è stato trasportato in codice giallo all’ospedale Sacco per una sospetta frattura alla gamba. La maggior parte dei pazienti trattati però lamenta mal di schiena o cervicale e contusioni lievi e sono stati trasportati con codice verde. A riferirlo è l’azienda regionale emergenza urgenza che specifica: “sono state valutate 14 persone di cui 2 piccoli di 8 e 10 anni”.

Secondo l’Atm, l’azienda tranviaria milanese, a provocare la frenata sarebbe stato “il sistema d’emergenza, sollecitato dal rilevamento di un’anomalia”. L’azienda ha infatti dovuto interrompere la corrente che alimenta la linea a causa di una persona entrata in galleria. La “disalimentazione dell’intera linea metropolitana si è ritenuta indispensabile poiché una persona era entrata abusivamente in galleria alle 7,47 con presunte intenzioni suicide – si legge in una nota dell’Atm – L’intera linea è stata pertanto disalimentata per 10 minuti, fino a quando la persona è stata individuata e fermata dalla security Atm a Loreto. Alla ripresa del servizio, un treno in ripartenza dalla stazione di Bonola M1 ha effettuato una frenata improvvisa attivata dal sistema di sicurezza dei convogli, pochi secondi dopo aver nuovamente alimentato la linea”.

Tra le cause riscontrate anche un errore di guida. L’Atm durante gli accertamenti ha scoperto che il conducente del convoglio ha fatto scattare la frenata d’emergenza superando di 3 chilometri il limite previsto nei casi di riattivazione del servizio dopo un blocco. Quando la corrente è stata riattaccata, infatti, il convoglio non avrebbe dovuto superare i 15 chilometri orari, invece a causa di una discesa di cui il conducente non ha tenuto conto, il conta chilometri ha raggiunto i 18, attivando così il freno automatico.

Secondo le prime informazioni la persona trovata sui binari sarebbe una donna francese di 32 anni. Le telecamere di sicurezza hanno ripreso la 32enne mentre si introduceva nel tunnel entrando dalla fermata Loreto. La donna è stata poi bloccata nel mezzanino di interscambio della stazione mentre si allontanava verso le uscite della linea 2. Ora si trova al Policlinico di Milano, ricoverata in stato confusionale.

Secondo quanto riferito dalla Polizia Locale l’incidente ha provocato un’interruzione della circolazione, limitato ad alcune fermate della Linea 1, per poco meno di un’ora. Chiuse alcune strade vicine all’uscita della fermata per agevolare i soccorsi. Gli accertamenti sulla dinamica sono a carico della Polmetro della Polizia di Stato.

Una seconda brusca frenata di un convoglio della metropolitana ha invece causato quattro feriti nel pomeriggio a Palestro – ancora una volta lungo la linea 1 – alle 14.30. Due persone hanno chiamato il 118 ma alla fine hanno rifiutato il trasporto facendosi medicare sul posto. Poco dopo altri due altri passeggeri, separatamente, hanno richiesto l’intervento del 118 e sono stati portati in ospedale in codice verde. Un quarto d’ora dopo, altri due passeggeri dello stesso treno, un 27enne e una 34enne, scesi qualche fermata dopo, a Turro, hanno chiamato per la persistenza di alcuni dolori e sono stati raggiunti dalle ambulanze dove si trovavano, per essere portati rispettivamente al Fatebenefratelli e al San Raffaele, entrambi in codice verde.

FOTO – VIDEO SKY

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alessandria, Mozione anti aborto in consiglio comunale. ‘Non una di meno’ protesta: sospesa la seduta

prev
Articolo Successivo

Napoli, bomboniere e confetti a forma di pistola per la prima comunione in casa di arrestato

next