Avete presente Pikachu, il tenero Pokémon Giallo con la coda a saetta che con la sua tenera vocina squittiva “Pika Pika Pikaaachu“? Da personaggio dei cartoni animati cult dei primi anni 2000 ora Pikachu è diventato il protagonista del primo film live action sull’universo dei Pokémon, in cui veste i panni di un detective. Ma a catturare l’attenzione, nel primo trailer ufficiale, è soprattutto la sua voce: addio falsetto, al suo posto (soprattutto nella versione italiana) c’è il vocione da uomo di Francesco Venditti, figlio di Antonello Venditti e Simona Izzo, che è il suo doppiatore ufficiale. Una voce piuttosto “matura”, alla Gigi Proietti per intenderci, che contrasta molto con l’aspetto tenero dell’iconico mostriciattolo giallo.Va un po’ meglio (ma neanche troppo) nella versione originale, dove a dargli voce è Ryan Reynolds. Una scelta che ha suscitato molte critiche, soprattutto da parte degli appassionati di Pokémon e videogiochi:

Ma nonostante questo, a neanche 24 ore dall’uscita del trailer ufficiale, Pikachu ha già conquistato tutti schizzando primo tra i trends mondiali. Moltissimi i commenti entusiasti sui social:

Nel film, Pikachu interpreta un detective (da cui il nome della pellicola) e aiuta il 21enne Tim a a scoprire cosa sia successo al padre Harry Goodman, un brillante detective scomparso. I due sono in grado di comunicare, e dopo i primi dubbi, uniscono le forze e affrontano mille avventure per cercare di svelare il mistero tra le strade di Ryme City, scoprendo un segreto che potrebbe sconvolgere la coesistenza pacifica tra umani e Pokémon. Il film uscirà in sala nel 2019. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

UK Film Days Italia, a Milano due giorni dedicati alla cultura britannica: da Kemp a Westwood passando per Scarpette Rosse

next
Articolo Successivo

Torino Film Festival 2018, da Pupi Avati a Nanni Moretti, Ermanno Olmi e James Franco: il programma completo

next