Alla cosiddetta “foto di famiglia”, alla conferenza di Palermo sulla Libia, mancava il generale Khalifa Haftar (presente all’incontro con Conte e Al Sarraj) ma c’erano ministri e capi di Stato: il capo del governo libico, l’inviato dell’Onu per la Libia Ghassan Salamè,  il premier russo Dmitri Medvedev, il presidente dell’Egitto Al Sisi, il presidente della Tunisia, Essebsi, il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, il ministro degli Esteri francese Le Drian, il premier algerino Ouyahia e l’Alto rappresentante per la Politica estera, Federica Mogherini. A un certo punto, mentre tutti erano in posa, il presidente del Consiglio italiano ha salutato con la mano alcune persone: “Sto salutando i turisti – ha detto sorridendo – che pensavano di godersi il relax e hanno trovato tutte queste persone”. Conte ha spiegato il suo gesto, in inglese, ai presenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conflitto d’interesse, Bonafede: “È nel contratto di governo, ma sui tempi non so darvi dettagli”

next
Articolo Successivo

Di Maio: “Libertà d’informazione si garantisce con equo compenso per giornalisti sottopagati”

next