Rocco Casalino in collegamento con Fabio Fazio nel corso della puntata di Che tempo che fa su Rai 1 dopo aver chiesto scusa per il video in cui ha insultato down e persone anziane, ha commentato gli attacchi alla stampa di Di Maio e Di Battista dopo l’assoluzione della sindaca Raggi: “Io credo sia nel diritto di chi rappresenta i cittadini, come Luigi Di Maio e di libero cittadino come Di Battista, denunciare con forza quella che dal loro punto di vista è un’anomalia nel nostro Paese. Un’ informazione che fa quasi propaganda politica”. Incalzato da Fabio Fazio ha poi continuato: “I toni eccessivi a volte servono per denunciare con forza un problema che non va sottovalutato. L’informazione è un tema importantissimo, come lo è libertà di stampa. Che qualcosa non stia funzionando credo che sia evidente a tutti, credo che ci sia un accanimento molto forte nei confronti del Movimento 5 Stelle. Come esperto di comunicazione posso dire che c’è qualcosa che non funziona bene, l’informazione dovrebbe essere il cane da guardia del potere. Il cane da guardia però dovrebbe abbaiare quando c’è qualcosa che non va non può mordere sempre, altrimenti perde di credibilità. La politica – ha concluso il portavoce del premier Conte – ci ha abituato a un certo linguaggio. Da un punto di vista comunicativo un linguaggio forte ha una sua efficacia, io mi concentrerei più sulla denuncia che non sul linguaggio perché denuncia delle cose gravi come il caso della Raggi che ha subito due anni di fango e finalmente ha avuto l’assoluzione”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rocco Casalino: “Non ho nessun problema a chiedere scusa. Ho vissuto sulla mia pelle la discriminazione”

next
Articolo Successivo

Referendum Atac, Magi: “Per noi quorum non c’è, impugneremo la questione davanti al Tar”

next