“Voi razzisti meritate una cosa sola: di vivere una vita soli! Senza nessuno che vi pensi, senza mancare a nessuno e andarvene un giorno senza essere ricordati”. Così Mario Balotelli si è sfogato in una storia di Instagram, dicendo basta ai molteplici insulti razzisti che ogni giorno gli arrivano via social.

“Siete voi la parte malata del mondo – ha continuato l’attaccante del Nizza – Avete rotto il ca…Ditemele in faccia queste cose, vediamo se lo schermo del computer o del telefono vi proteggerà ancora”.  Il riferimento è ai messaggi degli haters che il calciatore ha condiviso con i suoi followers in alcune storie precedenti. Scimmia di merda sciacquati la tua bocca da negro quando parli di un ministro della Repubblica”, si legge in uno di questi. O ancora: “Quanto fai schifo, usi il razzismo e le sofferenze di milioni di negri per pulire l’immagine di ciò che sei: uno stupido miserabile negretto arricchito“.

Il campione ha poi concluso: “Non mi scrivete ora ‘lasciali perdere’. Perché no! No e no! Basta. Basta. Questi non sono argomenti su cui sorvolare”. Infine, in un’ultima storia, rivolgendosi ai suoi seguaci, ha sottolineato: “Voglio solo aggiungere che non tutti sono così e vi ringrazio per i messaggi”.

Non era la prima volta che Balotelli esprimeva le proprie idee sul razzismo. Già lo scorso giugno aveva suggerito al paese di ‘svegliarsi’, consigliando all’Italia di diventare “più aperta, cominciando a integrare le persone che vengono da fuori”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rugby, Italia-Georgia 28-17, respinti i ‘barbari’. Gli azzurri sono salvi, per ora

next
Articolo Successivo

Paura per il surfista Bierke: travolto da un gigantesco muro d’acqua a Nazaré. Le impressionanti immagini

next